Categorie
Salute

Pressione alta: il digiuno potrebbe aiutare nella lotta all’ipertensione

Il digiuno intermittente può “ristrutturare” il microbiota intestinale, cioè l’insieme dei batteri che vivono nell’apparato digerente, e ridurre la pressione alta. E’ quanto emerge da uno studio del Baylor College of Medicine che è stato pubblicato sulla rivista scientifica Circulation Research.

Pressione alta e digiuno intermittente, lo studio nel dettaglio

I ricercatori hanno condotto questo lavoro in laboratorio. Per lo studio, hanno fatto digiunare a intermittenza alcune cavie soggette a ictus e che soffrivano di pressione alta. Dopo nove settimane dall’inizio della ricerca, i topi con il disturbo che digiunavano a giorni alterni avevano una pressione sanguigna significativamente ridotta rispetto ai ratti che invece avevano la stessa patologia ma che non avevano digiunato.

Leggi anche: Pressione alta e cuore, una porzione di verdure al giorno alleata della salute

Disbiosi intestinale e ipertensione

Il lavoro degli studiosi, inoltre, ha fornito anche la prova che la disbiosi intestinale contribuisce all’ipertensione alterando la segnalazione degli acidi biliari.

David J. Durgan, ricercatore che ha condotto l’analisi, spiega:

“Molti dei batteri nel microbiota intestinale sono coinvolti nella produzione di composti. Questi composti hanno dimostrato di avere effetti benefici man mano che entrano nella circolazione e contribuiscono alla regolazione della fisiologia dell’ospite. I programmi di digiuno potrebbero un giorno aiutare a regolare l’attività delle popolazioni microbiche intestinali per fornire naturalmente benefici per la salute”.

Leggi anche: La frutta migliore per te se soffri di pressione alta

Leggi anche: La dieta del digiuno intermittente può aiutarti a dimagrire, senza dover contare le calorie

Il digiuno intermittente

Il digiuno intermittente comporta l’astensione totale o parziale dal cibo per un determinato periodo di tempo che va dalle 12 alle 36 ore. Negli ultimi anni, numerosi studi hanno suggerito che questo metodo offre numerosi benefici, come perdita di grasso sulla pancia e migliore stato di salute generale, rendendola una delle tendenze dietetiche più popolari in tutto il mondo