Categorie
photogallery

Sofia Loren compie 80 anni: storia dell’attrice che il mondo ci invidia (FOTO)

ROMA – Sofia Loren compie 80 anni. Ovunque nel mondo il suo nome evoca bellezza, sensualità e innato talento cinematografico. Considerata da molti l'”ultima diva” italiana, quella che ancora oggi nessuna attrice è riuscita a rimpiazzare. Con il suo fascino prorompente e mediterraneo, Sofia ha involontariamente imposto un nuovo canone di bellezza, rendendo celebri e iconiche le sue curve.

Come lei stessa ha spesso ricordato, a inizio carriera gli esperti del settore le dissero che aveva dei difetti fisici da correggere: “…bocca troppo grande, il naso troppo pronunciato, il viso corto”. La Loren non se ne preoccupò e decise di andare avanti così, come natura l’aveva fatta. Il naso all’insù non faceva per lei, attrice verace venuta dal basso, che durante la sua adolescenza aveva vissuto in condizioni economiche precarie.

Vedova del noto produttore Carlo Ponti, che sposò nel 1966, madre felice di Carlo Jr. e Edoardo, nonché nonna di quattro nipotini, Sofia Scicolone Villani,  nacque a Roma il 20 settembre del 1934. La sua vita professionale è segnata da tappe tanto precise quanto note. Iniziò con piccoli ruoli a fianco dei mostri sacri del cinema come in “Due notti con Cleopatra“(1953), diretto da Mario Mattoli. Poi in “Carosello napoletano” di Ettore Giannini (1954), che vinse il Prix International al Festival di Cannes. Nel film a episodi “Tempi nostri” (1954) recitò con Totò. Arrivò poi a prendere il posto di Gina Lollobrigida nel terzo episodio della trilogia “Pane amore e…” (regia Dino Risi, 1956)

Ma è l’incontro con Vittorio De Sica a cambiare la sua vita professionale: Sofia venne scelta per “L’oro di Napoli“(1954), nel cui cast c’erano attori del calibro non solo di Totò, ma anche Eduardo De Filippo.  Otto anni più tardi è scelta invece scelta per “La Ciociara” (1962), il film che la portò all’Oscar. Marcello Mastroianni fu l’altro pilastro del cinema italiano con cui fece coppia fissa in ben 15 film. I trio De Sica-Matroianni-Loren si ritrovò unito sul set di “Ieri, oggi, domani” (1963), vincitore dell’Oscar come miglior film straniero nel 1965 (celebre la scena dello spogliarello di Sofia). “Matrimonio all’italiana“(1964), sempre al fianco di Mastroianni e De Sica, le valse invece una nomination all’Oscar come migliore attrice protagonista. Recitò ancora con Mastroianni in “Una giornata particolare“(1977) di Ettore Scola, film ambientato negli anni della dittatura fascista, che durante l’ultima edizione della Mostra del Cinema di Venezia ha rivisto la luce in uno spettacolare restauro digitale.

Per quanto riguarda l’avventura hollywoodiana, l’attrice troverà partner quali Cary Grant, affascinato dalla sua bellezza al punto da chiederla in sposa, poi Frank Sinatra, John Wayne, William Holden, Tony Perkins e Marlon Brando. Quella di Sofia è stata una carriera ricca di premi e riconoscimenti: due Oscar, un Golden Globe, un Leone d’oro, la Coppa Volpi, una Palma d’oro a Cannes, un BAFTA, sei David di Donatello e due Nastri d’argento. Non stupisce il fatto che nel 2009 sia entrata nel Guinness dei primati come “l’attrice italiana più premiata di sempre“.

(Foto: La Presse)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.