Categorie
photogallery

Restituisce refurtiva dopo 11 anni con una lettera: “Scusate sono tossico”

NASHVILLE (STATI UNITI) –  Undici anni dopo aver puntato una pistola in faccia ai gestori di un minimarket, un rapinatore si è pentito delle sue azioni e ha restituito i 400 dollari che aveva rubato accompagnata da una lettera di scuse che aveva messo dentro una busta delle lettere. La notte della rapina a mano armata Somboon Wu e suo padre Keosavanh Xayarath erano di turno al negozio quando il ladro è entrato nel negozio, gli ha puntato la pistola alla testa e obbligato a dargli tutti i soldi.

I responsabili della rapina non sono mai stati trovati finché il 6 settembre 2013 due persone entrano nel negozio e porgono a Wu una busta delle lettere.

Dentro c’erano i soldi della refurtiva di undici anni prima e una lettera scritta dal rapinatore chiedendo perdono: “Sono un tossicodipendente e mi scuso per avervi derubato una sera o del 2002 o del 2003.”  Wu e suo padre sono rimasti colpiti dalla lettera e l’hanno postata sia su Instagram che su Twitter con il seguente messaggio: “Alla persona anonima, grazie. Non ci importa della lettera, siamo rimasti più sorpresi dal tuo gesto che dai soldi.

 

 Restituisce refurtiva dopo 11 anni con una lettera: "Scusate sono tossico"
Restituisce refurtiva dopo 11 anni con una lettera: “Scusate sono tossico”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.