Mosca, le Pussy Riot si scusano per la “preghiera punk”