photogallery

Metropolitana di Londra: la “Tube” compie 150 anni

La Metro di Londra compie 150 anni001

LONDRA- La Tube compie 150 anni. Proprio il 9 gennaio 1863, apriva infatti la prima linea della metropolitana londinese, tra Paddington e Farringdon. Oggi la rete sotterranea registra ogni giorno circa 3,5 milioni di corse, attraverso undici linee che toccano 270 stazioni.

LA NASCITA E SVILUPPO NELL’800.

1863: Apre la London Metropolitan Railway, su un tratto lungo appena sei chilometri e mezzo circa. I treni della linea, a vapore, fanno la spola da Paddington a Farringdon Street su parte di quella che oggi è la Circle line, portando una media di 26.500 passeggeri al giorno nei primi tre mesi di attività.

1868: Apre la Metropolitan District Railway, che va da South Kensington a Westminster; le sue rotaie e stazioni vengono ora utilizzate dalle linee District e Circle.

1884: Viene completata la linea circolare, che collega a entrambe le sue estremità le linee Metropolitan e District.

1890: Apre fra King William Street (ora stazione Monument/Bank) e Stockwell la prima rete ferroviaria elettrica di profondità al mondo. Ora la sezione fa parte della Northern line.

NUOVO SECOLO, NUOVE LINEE

1900: Apre la Central London Railway, fra Shepherd’s Bush e Bank. Viene soprannominata ‘Twopenny Tube’ per il basso costo dei biglietti fra le stazioni, due pence appena.

1906: Inaugurata la prima sezione della Piccadilly line, da Finsbury Park a Hammersmith. Nello stesso anno apre anche la Bakerloo line, che collega Baker Street a Waterloo.

1907: Apre quella che oggi è la sezione di Charing Cross della Northern line, con due ramificazioni che raggiungono Highgate (Archway) e Golders Green.

1911: Earl’s Court diventa la prima stazione della Tube di Londra ad avere le scale mobili.

1935-40: Vengono estese le linee Bakerloo e Northern.

DESIGN ICONICO

1908: Il nome ‘Underground’ fa la sua prima apparizione e compare anche il famoso logo rotondo conosciuto oggi in tutto il mondo.

1929: Al numero 55 di Broadway apre la nuova sede della Underground.

1933: Compare per la prima volta la famosa mappa, disegnata da Harry Beck e ora usata come base di partenza per tutte le altre piantine delle metropolitane del mondo.

DURANTE LE GUERRE

1914-18: Durante la Prima guerra mondiale le donne assumono molti dei posti lavorativi lasciati vacanti dagli uomini richiamati alle armi. Oggi quelle donne sono note come le ‘wartime substitutes’, le sostitute del tempo di guerra.

1939-45: Le piattaforme delle stazioni della metropolitana vengono usate come rifugi antiaerei durante i bombardamenti tedeschi della Seconda guerra mondiale. La sezione fra Holborn e Aldwych della Piccadilly line viene chiusa e usata per conservarvi i tesori del British Museum.

ULTERIORI ESTENSIONI

1969: Inaugurata la Victoria line, fra Brixton e Walthamstow Central.

1979: La Jubilee line avvia il suo servizio, fra Stanmore e Charing Cross.

1986: La realizzazione del nuovo Terminal 4 dell’aeroporto di Heathrow porta alla costruzione di un’estensione della Piccadilly line.

1999: Apre l’estensione della Jubilee line fra Green Park e Stratford.

NUOVE TECNOLOGIE

1961: La rete è ora completamente elettrificata.

1983: Vengono installati sulle piattaforme pannelli a matrice di punti per indicare i treni in arrivo e le destinazioni.

1986: Introdotte le zone di pagamento e le Travelcard.

2003: Avviato il sistema elettronico di biglietti Oyster card.

PRESENTE E FUTURO

Al momento è in corso un ampio programma di investimento e miglioramento nella Tube londinese. I maggiori lavori sono stati completati in vista delle Olimpiadi del 2012, con le linee Jubilee e Victoria che ora godono di un servizio più frequente e affidabile e con la ristrutturazione delle stazioni di King’s Cross e Green Park. Man mano che Londra aumenta di dimensioni, anche la capacità e i servizi della rete metropolitana devono essere costantemente migliorati: sul 40% della rete sono stati ad esempio installati nuovi treni con aria condizionata e la Northern line è pronta per subire una trasformazione radicale. Proseguiranno inoltre in diverse altre stazioni i lavori per rimuovere gli scalini ed è in corso di studio un’estensione della Northern line fino a Battersea, che prevede due nuove stazioni.

(Foto LaPresse e Ansa)

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.