Categorie
photogallery

Montecitorio, in scena artisti del circo: clown e acrobati in piazza

ROMA – L’Ente circhi, l’associazione di categoria del settore, adotterà entro dicembre un regolamento per il benessere degli animali su cui da diversi mesi sta lavorando una equipe di veterinari, esperti e docenti universitari. Per annunciarlo, la mattina di mercoledì 17 ottobre  decine di clown, giocolieri e acrobati si sono esibiti davanti a Montecitorio sotto lo slogan ‘Salviamo il circo’. Oltre alle esibizioni e al lancio di palloncini, i lavoratori del circo hanno distribuito alcuni biglietti omaggio per l’ingresso ai circhi.
L’evento ha richiamato a Roma anche i direttori dei complessi che fanno capo all’Ente nazionale circhi, decisi a far sentire la loro voce. “Scopo dell’evento – fa sapere l’organizzazione che ha tenuto una conferenza stampa alla Camera dei Deputati alla presenza di Carlo Giovanardi, Vittorio Sgarbi, Alessandro Meluzzi, Maurizio Chiesa e Michela Vittoria Brambilla – è quello di rispondere agli attacchi faziosi e discriminatori di cui i circhi sono stati fatti oggetto soprattutto nelle ultime settimane, a partire dal caso della giraffa e dai divieti imposti dai sindaci di Imola e Parma”.
Il presidente Ente Circhi Antonio Buccioni ha accusato la cultura bistratta delegittima il circo.  La conferenza stampa, spiega Buccioni, è “l’occasione per puntualizzare la vera realtà del circo in Italia, il suo valore sociale, storico, artistico e culturale; rivendicare la centralità della presenza degli animali negli spettacoli così come il pubblico chiede” . Vengono forniti anche una serie di dati utili a descrivere l’esatta consistenza del settore: numero dei complessi, addetti, specie animali, ammontare dei contributi derivanti dal Fus che, spiega il presidente Ente Circhi, ricevono solo le briciole: “L’1,5% del Fondo unico per lo spettacolo è destinato agli spettacoli viaggianti, ovvero 6,6 milioni di euro. Di questi, però, alle imprese circensi vanno meno di due milioni”.
Infine, una stoccata anche agli animalisti: “Per gli animali  -conclude Buccioni – il circo ha fatto tutto quel che poteva ce ne sono solo un terzo in pista rispetto a quelli che si esibivano negli anni ’50-’60. E le ideologie animaliste” che li vorrebbero fuori dai circhi “in un mondo dove si fa la fame non funzionano”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.