Categorie
life style

3 falsi miti sulla frutta a cui non dovresti credere

La frutta è fonte di vitamine e minerali, permette di purificare dalle tossine e fornisce acqua e fibre necessarie per il corretto funzionamento dell’organismo. Il consumo di frutta è da sempre associato a uno stile di vita sano e ad una dieta equilibrata. Tant’è che l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) raccomanda l’assunzione di un minimo di 400 grammi di frutta e verdura al giorno, cioè circa un minimo di cinque porzioni. I suoi benefici sono associati alla prevenzione di malattie croniche come quelle cardiache, cancro, diabete o obesità.

Tuttavia, nonostante sia un alimento fondamentale, il suo consumo è circondato da bufale e falsi miti. Molti di questi natu a causa del contenuto di zucchero naturale, nutriente tuttavia molto diverso dallo zucchero bianco trasformato che si trova negli alimenti industriali.

Leggi anche:  Il tuo corpo ha bisogno di frutta e questo è quello che succede se non ne mangi abbastanza

Mangiare la banana ti fa ingrassare

In questa attuale guerra contro alcuni tipi di frutta, la banana è una delle più maltrattate. Molte persone ne limitano l’assunzione a causa dell’errata convinzione che la banana faccia ingrassare a priori e sia ricca di calorie. Tuttavia, le preziose proprietà nutritive di questo frutto, come il potassio, il magnesio, le fibre o la vitamina B , non solo non fanno ingrassare, ma possono aiutarti a dimagrire.

Nonostante contenga più energia rispetto ad altri frutti, circa 100 kcal per 100 grammi, la sua densità calorica non è paragonabile a quella di altri prodotti come i biscotti industriali. Inoltre, secondo uno studio pubblicato su European Journal of Clinical Nutrition, si tratta di uno degli alimenti più sazianti. È ideale da mangiare a metà mattina o a metà pomeriggio al posto di altri snack calorici e ultraprocessati, ricchi di zuccheri aggiunti, farine raffinate e grassi trans.   

Mangiare frutta di notte fa ingrassare

Un altro mito che circonda la frutta è che il suo consumo notturno dovrebbe essere evitato a causa del suo alto contenuto di zuccheri sotto forma di fruttosio. Tuttavia, questo alimento, come altri carboidrati, ti fa ingrassare in egual modo in qualsiasi momento della giornata. Cioè, le proprietà nutrizionali degli alimenti non cambiano di notte. Non bisogna aver paura della frutta a fine giornata, anche se bisogna tenere presente che tutto quello che mangiamo all’ora di cena deve essere leggero e facilmente digeribile, quindi è consigliabile optare per frutta con un basso apporto di zuccheri.

Le voci che girano sull’ora ideale in cui la frutta andrebbe consumata non si fermano qui. Altri due miti da sfatare sono che “mangiare frutta a stomaco vuoto è meglio”  e che “mangiare frutta fuori dai pasti fa ingrassare”, ma la verità è che entrambe le affermazioni sono errate. Questa credenza ha origine da fatto che, secondo alcuni falsi miti, mescolata con altri cibi la frutta fermenti nello stomaco, ma questo non p vero.

Anche mangiando frutta lontano dai pasti questa avrà le stesse identiche calorie degli altri momenti della giornata. La frutta ingrassa a seconda di quante calorie contiene e l’ora del giorno non influisce.

Leggi anche: Vitamine D, C, A… quali puoi trovare in ogni tipo di frutta e a cosa servono

 La frutta congelata è meno nutriente

In molti casi, i cibi congelati sono l’opzione migliore in caso di necessità. Tuttavia, e quando associati ad altri prodotti che abitualmente troviamo nella parte più fredda del supermercato, una parte importante della popolazione ritiene che siano di qualità inferiore e perdano le loro proprietà.

Invece, la stragrande maggioranza della frutta, così come la verdura, conserva tutti i nutrienti, il sapore, il colore e la consistenza se congelata correttamente. Questi alimenti vengono solitamente congelati immediatamente dopo essere stati raccolti e, addirittura, possono preservare le loro qualità meglio dei prodotti apparentemente freschi, che sono soggetti a processi di trasporto e variazione di temperatura. Quindi, congelato non significa necessariamente che sia peggiore.