Kate Middleton criticata: il particolare che indigna FOTO

Kate Middleton: cappotto verde e cappello in pelliccia FOTO

LONDRA – Kate Middleton criticata: il particolare che indigna FOTO. Nuovo attacco mediatico contro Kate Middleton: è passata meno di una settimana da quando la Duchessa è stata criticata duramente per via del look di Natale, quando ha sfoggiato un collo di pelliccia (poi rivelatosi sintetico), ed ecco che Kate viene attaccata di nuovo a causa di una scelta stilistica che non è piaciuta ai più: in occasione della prima apparizione pubblica del 2017, infatti, la Duchessa ha sfoggiato un cappello in pelliccia di alpaca che ha mandato su tutte le furie gli inglesi. Nello specifico, il particolare non è passato inosservato agli occhi degli animalisti che hanno criticato duramente la scelta della moglie di William.

Tuttavia, anche questa volta proprio come la volta scorsa (quando poi si è scoperto che la sciarpa finita alla gogna non era di pelliccia vera ma sintetica) Kate Middleton non ha sbagliato. Come si legge sul Daily Mail, infatti, il cappello è stato realizzato a Sicuani, nel profondo Perù, da artigiani locali e sono stati utilizzati alpaca morti a causa del clima rigido. Il cappello, si legge sul sito, è stato progettato da una designer peruviana, Antonia Valentin Jacob, cresciuta in una baraccopoli povera e violenta. La donna ha spiegato al Daily Mail:

Sono cappelli fantastici realizzati da persone che non sanno leggere e scrivere, artigiani nel settore da anni che hanno tramandato le competenze di generazione in generazione. Gli alpaca non sono allevati per la macellazione, muoiono per cause naturali in condizioni climatiche avverse”.

La stilista ha raccontato che gli alpaca, che possono vivere fino a 17 anni, pascolano liberi ma dovendo affrontare clima rigido e temperature che a volte arrivano anche a -20 gradi, non sempre ce la fanno a sopravvivere. La spiegazione però non ha convinto del tutto gli animalisti, che sono pronti a puntare il dito contro Kate.

Potrebbero interessarti anche...