Il diavolo veste Prada, Meryl Streep non si è ispirata ad Anna Wintour per il suo personaggio

Il diavolo veste Prada, Meryl Streep non si è ispirata ad Anna Wintour per il suo personaggio

ROMA – Emily Blunt ha rivelato nuovi dettaglio sul film che l’ha resa celebre: “Il diavolo veste Prada”. L’attrice non recitava nei panni della protagonista, ma il suo personaggio di nevrotica assistente della titanica direttrice della rivista di moda Runway, Miranda Priestly, è entrato nella storia del cinema. Proprio Blunt, nel corso di un’intervista con NPR podcast, ha reso noto che il personaggio di Meryl Streep non era basato sula vita di Anna Wintour, direttrice di Vogue america, ma su due misteriosi uomini di Hollywood. 

I fan del film di successo, che ha guadagnato 250 milioni di sterline al box office, hanno sempre dato per scontato il parallelismo tra Miranda e Anna. Ma ora la co-protagonista della pellicola getta nuova luce sul personaggio di PriestlyStreep non ha usato Wintour come fonte d’ispirazione per il ruolo, come è stato a lungo ipotizzato. “Meryl in realtà non si è basata su Anna Wintour. Glielo ha detto ad Anna. L’ha basato su due uomini di Hollywood che lei conosceva – che rimarranno senza nome, ma io so chi sono. È tutto”.

Il diavolo veste Prada è tratto dall’omonimo romanzo di Lauren Weisberger. Quando era una studentessa universitaria, l’autrice ha lavorato come assistente di Wintour, “faxando, archiviando, prendendo il caffè e fondamentalmente mantenendo la vita di Anna nel modo più fluido possibile”, prima di diventare una scrittrice con sette romanzi e vendite in tutto il mondo. Quando il romanzo uscì, la stampa newyorkese lo etichettò come un’opera a tradimento, credendo che fosse basato effettivamente su Wintour. “Se avessi saputo delle critiche che ho avuto, non l’avrei mai scritto”, ha detto. “Avevo 25 anni quando è stato pubblicato, sembrava che le recensioni fossero un attacco personale. Con il senno di poi, è stato facile dire che stavo lavorando per Anna Wintour e prendevo appunti solo per scrivere questo romanzo di vendetta, ma non era così” ha specificato.

Il mese scorso, Emily Blunt, che è attualmente protagonista di “Mary Poppins Returns”, ha anche ammesso quanto sia stata dura per lei lavorare con Meryl la prima volta. Ha detto a Elle UK: “Ero terrorizzata. Terrorizzata. Ero terrorizzata in generale, era il mio primo grande film. Non sapevo cosa fosse questo business (…) così ci siamo sedute e abbiamo iniziato a leggere intorno a un tavolo e mi ricordo che tremavo”. (Fonte: Daily Mail) Silvia Di Pasquale.

Potrebbero interessarti anche...