Categorie
benessere

Tre trucchi per assicurarti di non saltare mai più una sessione di allenamento

Sono una persona molto attiva. Mi sveglio presto la mattina e inizio subito rassettando la casa. Inoltre, sono molto competitiva. Chi riesce a svuotare la lavastoviglie più velocemente? Nonostante questo, sono famosa per la procrastinazione del fitness. Trovo quasi impossibile iniziare una sessione di allenamento. Se so che ho una lezione di fitness alle 15, già dalle 14 inizierò a lamentarmi su quanto non mi vada di iniziare la sessione di allenamento.

Quindi, sto parlando proprio con le persone che saltano gli allenamenti. Sia che si tratti di una, sia che si tratta di dieci anni di allenamenti saltati. E’ difficile scegliere di muoverti quanto potresti scegliere di non muoverti. Per questo motivo, negli anni ho sviluppato alcuni trucchi che utilizzo per aiutarmi ad alzare il lato B dal divano e non saltare la sessione di allenamento che mi aspetta.

Durante la sessione di allenamento fai ogni esercizio una sola volta

Va bene, la cosa migliore sarebbe quella di fare diversi round dello stesso esercizio, a circuito. Ma a volte il pensiero di dover sopportare tre o quattro round di goblet squat, affondi o plank, per è semplicemente troppo da sopportare. Finisco per sedermi sul pavimento paralizzato, soprattutto quando sono troppo intimidito e annoiata dal lavoro che sto facendo. Quindi, quando posso, faccio ogni esercizio una sola volta. Questa tecnica funziona magnificamente per gli allenamenti HIIT.

Come farlo: crea un elenco di 20-25 esercizi, del livello che è adatto a te. Ordinali come preferisci. Imposta un timer di intervallo di 45 secondi, e 25 secondi di pausa. Non importa quanto odi qualunque esercizio, tu sai che dovrai farlo solo per 45 secondi. E poi potrai passare ad altro. Otterrai un allenamento ad alta intensità di 30 minuti che ti farà sentire attivo per tutto il tempo della sessione di allenamento.

Puoi fermarti dopo quindici minuti di allenamento

Un classico strumento motivazionale che utilizzo quando non mi va proprio di iniziare un allenamento. Semplicemente, mi offro uno scambio: se ti alzi, ti riscaldi e fai quindici minuti del tuo allenamento previsto, poi puoi fermarti e non guardarti mai indietro. Certo, non è il miglior consiglio se ti stai allenando per una maratona. Ma è assolutamente perfetto se decidi di allenarti tutti i giorni, poco tempo al giorno. Oppure quando vuoi allenare qualcosa di specifico, come i bicipiti.

Come farlo: decidi in anticipo su cosa si concentrerà il tuo allenamento. (Questa è sempre una buona idea, ma assolutamente necessaria in questo caso.) Fai un buon riscaldamento, quindi calcola i tuoi quindici minuti. Non approssimare: l’accordo con te stesso è di quindici minuti completi. Quando il tuo tempo è scaduto, poniti una domanda: rimani o te ne vai adesso? Scoprirai che, superata la fatica iniziale, spesso deciderai di fare qualche minuto in più di allenamento. E se non rimani? Questa è sempre stata un’opzione in questo accordo, quindi non dovrai sentirti in colpa. Hai provato. Hai fatto qualcosa. E probabilmente hai bisogno di una pausa ora.

Fissa un obiettivo a breve termine

Se non hai una grande motivazione per allenarti, non pensare a lungo termine. Piuttosto, fissa un obiettivo che puoi raggiungere in poco tempo. Che sia iniziare a correre e riuscire a farlo per 5 chilometri, oppure tonificare l’addome. Non importa quale sia l’obiettivo: averne uno è un ottimo incentivo.

Come fare: stabilisci un traguardo da raggiungere seguendo un percorso. Per esempio, prefissati di riuscire a perdere 2 chili in 1 mese di sessione di allenamento (e ovviamente dieta sana ed equilibrata).

Leggi anche: Dimagrire con la camminata: il piano di 31 giorni per perdere peso.