intestino e probiotici

10 motivi per includere i probiotici nella tua dieta

18 Gennaio 2021 - di Claudia Montanari

Si parla di probiotici come elemento benefico per il nostro organismo a partire dall’inizio del XX secolo. Nello specifico è stato il Premio Nobel Elie Metchnikoff che, dopo alcuni studi, è giunto alla conclusione che il consumo di latte fermentato contribuiva a “seminare” l’intestino di batteri benefici che riducevano la crescita di agenti patogeni nel corpo. Elie Metchnikoff è stato il primo a indicare che sarebbe stato possibile modificare la flora intestinale sostituendo i microrganismi dannosi con quelli utili. Questi microrganismi utili sono chiamati probiotici, ovvero “pro-vita”.

Leggi anche:  Colesterolo alto, probiotici lo contrastano: 5 alimenti che ne sono ricchi

I probiotici ripristinano l’equilibrio della flora

Secondo la definizione dell’Organizzazione mondiale della sanità, i probiotici sono considerati “microrganismi vivi che, se somministrati in quantità adeguate, conferiscono un beneficio alla salute dell’ospite”. I probiotici, quindi, sono composti da batteri vivi e buoni e / o lieviti che vivono naturalmente nel tuo corpo, aiutano ad eliminare i batteri dannosi per l’organismo e ripristinano il naturale equilibrio della flora intestinale.

Dieci motivi per introdurre i probiotici nella tua alimentazione

1. Migliorano la digestione e nei neonati prevengono e curano le coliche infantili.
2. Migliorano il transito intestinale riequilibrando la flora e quindi migliorano la stitichezza e i disturbi gastrointestinali.
3. Contrastano la mastite durante l’allattamento.
4. Favoriscono il sistema immunitario e contrastano il raffreddore.
5. Combattono gli effetti collaterali del trattamento antibiotico.
6. Migliorano i sintomi digestivi e la qualità della vita di chi soffre di sindrome dell’intestino irritabile.
7. Diminuiscono la frequenza delle infezioni urinarie.
8. Diminuire l’incidenza delle carie.
9. Riducono i sintomi associati all’intolleranza al lattosio.
10. Prevengono la dermatite atopica.

Leggi anche:  Probiotici contro le infezioni: 5 alimenti che ne sono ricchi

L’intestino, il secondo cervello

Nello specifico, i probiotici sono molto utili non solo per alleviare momentaneamente una patologia (per esempio la stitichezza o la diarrea) ma svolgono un ruolo fondamentale nella prevenzione delle infezioni del tratto genito-urinario, soprattutto nelle donne. Inoltre aiutano nella prevenzione di varie patologie al colon, di reazioni dovute a intolleranza al lattosio, dermatiti. Contrastano disturbi come la diarrea dovuta all’uso di antibiotici e favoriscono il sistema immunitario. L’intestino è conosciuto come il secondo cervello, poiché il 70% delle nostre cellule immunitarie vive proprio nell’intestino, il che rende la sua salute la chiave della nostra immunità contro le malattie.

Dove possiamo trovarli?

I probiotici non si trovano solo in integratori e preparati idonei. Risiedono anche naturalmente in bevande naturali come il tè kombucha o la bevanda kefir, e in alimenti come yogurt, olive, formaggio crudo non pastorizzato, crauti, miso o alcune microalghe come spirulina, corella o alghe kombu.

Una piccola raccomandazione degli esperti è di non ingerire il probiotico con le bevande calde, poiché morirebbe e quindi non avrebbe il suo effetto. Allo stesso modo, se hai intenzione di assumerli associati ad un antibiotico per evitare squilibri intestinali, è meglio aspettare due ore tra l’assunzione del probiotico e dell’antibiotico. Questo perché il farmaco attaccherebbe i batteri buoni del probiotico, annullandone l’effetto.

Varietà differenti, diversa efficacia

Naturalmente, è importante, all’interno dei probiotici, parlare dei loro ceppi, o delle loro famiglie. Questo perché un ceppo probiotico può essere efficace per una cosa (ad esempio, prevenzione della diarrea) ma non necessariamente essere valido per un’altra (per esempio, prevenzione delle allergie).

Il beneficio del probiotico per la salute, sia per quanto riguarda il tipo di ceppo ma anche sulle dosi raccomandate o sul metodo di somministrazione, sono alcuni degli aspetti chiave che dovrà indicare il vostro medico.

Tags