Categorie
benessere

Pancia gonfia, 4 erbe che ti aiutano a sgonfiarti

Se in questi giorni di vacanza ti sei lasciato un po’ andare con il cibo e stai riscontrando problemi di pancia gonfia, non preoccuparti. Il gonfiore addominale è un disturbo piuttosto comune, soprattutto se abbiamo ecceduto con alcol, grassi e calorie. Il primo passo da fare per sbarazzarci della fastidiosa pancia gonfia è ovviamente quello di tornare a sani regimi alimentari e, se avete smesso, di riprendere a praticare esercizio fisico regolare. Per riuscire a sgonfiare la pancia, inoltre, può essere molto utile aggiungere alcune erbe naturali note per le proprietà diuretiche e drenanti. Vediamone quattro.

Rosmarino

E’ uno dei rimedi naturali più efficaci contro la pancia sgonfia. Non solo, questa erba aromatica favorisce il flusso della bile, evitando che il fegato si congestioni. In questo modo, il metabolismo è più veloce. Assumendo quotidianamente il rosmarino, miglioriamo la digestione, il funzionamento dell’intestino e contrastiamo flatulenza e reflusso esofageo. Il miglior modo per sfruttare le proprietà del rosmarino è quello di assumerlo sotto forma di tisana, meglio se accompagnato da altre piante dal potere curativo. Se per esempio il problema è la pancia gonfia, basterà far bollire mezzo litro di acqua con qualche rametto di rosmarino, qualche foglia di salvia e semi di finocchio. Questa bevanda, se assunta tutte le sere prima di andare a dormire, migliorerà la digestione, depurerò il fegato e vi farà sentire molto più sgonfie drenando anche i liquidi in eccesso.

Pancia gonfia, proba il tarassaco

 Il tarassaco è molto diffuso in Italia ed è utilizzato da secoli come rimedio naturale per molti disturbi. Le foglie di tarassaco sono ricche di potassio, un minerale in grado di stimolare la diuresi e quindi in grado di espellere il sodio in eccesso. Per questo motivo, questa pianta apporta numerosi benefici anche ai reni. La fitoterapia tradizionale utilizza il tarassaco per trattare la stitichezza e altri problemi di digestione. Uno studio sui ratti trattati con l’estratto di tarassaco ha rilevato un aumento significativo delle contrazioni dello stomaco e dello svuotamento del suo contenuto nell’intestino. Inoltre, è ricco di inulina, fibra solubile prebiotica che ha dimostrato la capacità di ridurre la stitichezza. Uno studio clinico pubblicato nel 2009 sulla rivista Journal of Alternative and Complementary Medicine ha confermato gli effetti diuretici del tarassaco.

Leggi anche: Pressione alta, rimedi naturali: combattila con il tarassaco.

Bardana

Questa pianta, proprio come il tarassaco, è ricca di inulina. Inoltre contiene tanti polifenoli e arctiopicrina. Questi composti gli regalano proprietà diuretiche e depurative. La bardana agisce stimolando le funzionalità biliare ed epatica, migliorando il lavoro del fegato e della cistifellea. Tale attività viene inoltre accompagnata da azioni ipoglicemizzanti e ipocolesterolemizzanti.

Finocchio contro la pancia gonfia

L’infuso di finocchio aiuta a combattere la ritenzione idrica, elimina i liquidi in eccesso e disintossica, ed è uno dei maggiori alleati contro la pancia gonfia. Le tisane al finocchio permettono di eliminare le tossine e contrastano i gonfiori addominale. Ottima la tisana che comprende, oltre al finocchio, anche della radice di liquirizia e dell’angelica. Secondo alcune ricerche il finocchio è una delle piante utili per migliorare la digestione, insieme allo zenzero, alla menta piperita, all’anice, al tarassaco, al carciofo e ad altre.

Leggi anche: Menopausa, finocchio contro vampate e aumento di peso.