Categorie
benessere

Dimagrire, 5 consigli per non sgarrare se mangi fuori casa

Portare avanti una dieta per dimagrire necessita di forza di volontà soprattutto quando non mangiamo a casa e le tentazioni aumentano.

Durante una cena con le amiche non è sempre facile trovare un menù a prova di linea, ma non dobbiamo disperare perché è possibile correre ai ripari.

Basta non arrivare impreparate e lasciarsi trasportare da ciò che fanno gli altri perché anche in un fast food come McDonald’s potremmo trovare un piatto adatto al nostro caso.

Ecco una serie di consigli per non ingrassare quando si mangia fuori casa.

Partiamo dalla scelta dei carboidrati. Ormai una pizza con farina integrale è disponibile in quasi tutte le pizzerie.

Non abbiate paura di chiedere, con le vostre richieste spingerete anche i gestori a prendere in considerazione alternative adatte a chi deve dimagrire o ai diabetici.

Quanto al condimento, meno c’è sulla pizza meglio è. La marinara potrebbe essere una buona soluzione se state cercando di dimagrire.

Per la pasta la situazione è più complicata perché si tende a non fare un’amatriciana integrale.

Potete però prendere in mano le redini della serata e individuare già il posto che è adatto a voi. Difficilmente le vostre amiche si opporranno. 

Se così fosse, fate presente che per voi è fondamentale non interrompere la dieta.

Altro consiglio è quello di preferire il pesce alla carne, anche se quest’ultima può essere l’ancora di salvataggio per chi sta portando avanti una dieta proteica e si trova in un ristorate che non fa pesce.

Le proteine ​​animali della carne, del pesce e delle uova sono importanti, ma anche quelle ​​vegetali dei legumi ne sono una buona fonte oltre a fornire altri benefici all’organismo come favorire in senso di sazietà ed evitare picchi di zuccheri nel sangue.

Se ordinate delle verdure, assicuratevi che non siano già condite, oppure leggete con attenzione come sono state trattate.

Mangiare una ciotola di insalata piena di salsa, aceto balsamico, formaggio stagionato non la rende necessariamente “healthy”.

Meglio rinunciare al condimento ricco e accompagnare la verdura con un pezzo di pane integrale.

Cercate di auto regolarvi. Se non volete rinunciare al dolce finale, evitate di mangiare carboidrati prima, oppure fate attenzione a ciò che finisce nel piatto il pasto successivo.

Le bevande sono un’altra nota dolente perché spesso sono alla base della convivialità. Evitate i cocktail, che sono ricchi di zuccheri, così come i succhi di frutta confezionati.

Optare per un calice di vino rosso di qualità, con moderazione è anche amico dell’intestino, perché aumenta la varietà dei batteri che lo abitano, il cosiddetto microbioma e aiuta a ridurre i livelli di obesità e colesterolo cattivo.

Foto di Carola Schöttler da Pixabay.