benessere

Dieta, 4 cibi che non sono sempre sani come credi

Se qualcuno ti chiedesse di fare una lista di cibi sani, sicuramente ce ne sono alcuni che citeresti immediatamente perché spesso associati a una dieta sana. Tuttavia, non sempre gli alimenti che riteniamo sani lo sono davvero. A priori, si pensa che abbiano proprietà benefiche e che siano buoni alleati della nostra salute. Ma non sempre è tutto oro quello che luccica e, in realtà, alcuni alimenti non sono così adatti a una dieta completa e sana.

Per esempio, possiamo considerare i cosiddetti “prodotti light” come lo yogurt 0%, che spesso sono ricchi di additivi o conservanti. I derivati del latte, nello specifico, sono cibi molto famosi considerati sani ma è bene ricordare che, perché un latticino sia sano e adatto alla dieta, deve contenere solo due ingredienti: latte e fermenti lattici. Inoltre devono essere bianchi e naturali. Questo perché gli yogurt (per esempio) alla frutta contengono spesso zuccheri aggiunti fino a 15 grammi ogni 100 grammi di prodotto.

Vediamo allora 4 cibi considerati sani a priori ma che non sempre lo sono.

Leggi anche:  Devo eliminare i latticini dalla mia dieta se voglio perdere peso?

Sciroppo di Agave

Chi ha un debole per i dolci sa bene quanto sia complicato, a volte, mettersi a dieta, visto che i cibi più dolci di solito sono i primi a dover essere limitati o eliminati. Per offrire una alternativa allo zucchero, il mercato propone diversi sostituti che “promettono” di addolcire i cibi senza arrecare danni alla salute e alla dieta.

Tra questi sostituti c’è lo sciroppo d’Agave, che ha guadagnato popolarità per la sua origine naturale e vegana. Ma devi prestare molta attenzione alla qualità dello sciroppo e al suo processo di produzione, perché questo determinerà la sua composizione finale. E a seconda del suo processo produttivo, può diventare un prodotto altamente raffinato, privo praticamente di tutti i nutrienti che troviamo nella pianta di agave.

A volte lo sciroppo d’Agave viene adulterato con sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio. Inoltre, può contenere fino al 90% di fruttosio, più di quasi ogni altro dolcificante, il che non è affatto adatto a una dieta dimagrante e a un’alimentazione sana. L’eccesso di fruttosio può essere dannoso perché viene elaborato nel fegato e normalmente trasformato in grasso, che può aumentare i livelli di trigliceridi o colesterolo.

Dieta e olio di cocco

L’olio di cocco contiene trigliceridi a catena media, un tipo di grasso che, pur essendo saturo, non si accumula e viene utilizzato come fonte di energia. È un’interessante fonte di energia per gli atleti, poiché è solubile in acqua ed entra facilmente nel muscolo, fornendo energia extra. Ha anche effetti battericidi e antimicotici, che aiutano a combattere alcuni parassiti intestinali.

Anche se molte persone lo descrivono come una panacea, la verità è che è interessante aggiungerlo alla dieta ma, essendo sempre un grasso, va assunto con moderazione.

L’olio di cocco è spesso presentato come alternativa ipocalorica all’olio extra vergine di oliva. Ma bisogna tener conto che il consumo di olio extravergine d’oliva è più salutare per il cuore dell’olio di cocco, come confermato da uno studio condotto da Karin Michels, professoressa alla Harvard TH Chan School of Public Health e direttrice dell’Istituto per la Prevenzione ed epidemiologia dei tumori dell’Università di Friburgo, che conclude che l’olio di cocco contiene più del 90% di grassi saturi.

Leggi anche:  Diabete, quale olio è meglio usare per condire gli alimenti

Latte scremato per la dieta? Non sempre la scelta giusta

Quando ci si mette a dieta, spesso si tende a preferire il latte scremato a quello parzialmente scremato o intero. Tuttavia, spesso nel processo di scremazione per liberare il latte dai grassi vengono incorporati altri prodotti. Compresi addensanti che danno corpo al latte per evitare che dia la sensazione di bere acqua.

Inoltre, bisogna tener conto che il latte con poco o quasi nessun grasso contiene una percentuale maggiore di zucchero. Bere latte intero, parzialmente scremato o scremato, credo che debba essere più una questione di gusti che altro. Inoltre, il latte scremato è carente di vitamine liposolubili come A e D. Secondo molti nutrizionisti, l’opzione preferibile per la dieta è il latte parzialmente scremato.

Proteine ​​di soia

È una fonte proteica completa, poiché contiene tutti gli amminoacidi essenziali di cui l’organismo ha bisogno (oltre a quelli di origine animale) anche se, a seconda del formato, può essere molto difficile da assimilare, come nel caso della soia testurizzata.

Se sei preoccupato per i prodotti transgenici, devi monitorare la loro origine poiché la maggior parte di solito lo sono. Va inoltre tenuto conto che l’abuso di soia può causare alterazioni degli estrogeni. Come è noto, la soia è sempre meglio consumarla al naturale. Particolare attenzione deve essere prestata ai derivati, come barrette, proteine ​​in polvere o yogurt poiché contengono solo proteine ​​​​di soia isolate e non nutrienti da semi di soia interi. Come con altri alimenti trasformati, hanno una bassa densità nutrizionale.