Categorie
benessere

Cinque cose che (forse) sbagli quando scegli lo yogurt

Quando acquistiamo uno yogurt è facile perdersi tra la vasta gamma di opzioni che troviamo al supermercato. Come identificare gli yogurt che sono veramente sani? Se vuoi scoprirlo, dai un’occhiata a questi suggerimenti.

La situazione ti sarà sicuramente familiare. Si va nella zona frigo del supermercato a comprare degli yogurt e, se non si ha bene in mente quale comprare, il rischio di entrare nel caos è dietro l’angolo. Si rischiano le “vertigini” per quanta varietà di sapori, colori e dimensioni di prodotti.

In realtà, tu stai solo cercando uno yogurt che sia sano, ma la gamma di opzioni è così ampia che è molto facile far finire nel carrello un prodotto che non è poi sano quanto vorresti. Molte volte ciò può essere dovuto ad alcuni errori comuni che facciamo involontariamente. Vediamone alcuni.

Confondi altri prodotti per lo yogurt che, in realtà, non lo sono

A meno che non seguiamo una dieta vegana (priva di alimenti di origine animale), lo yogurt è un alimento più che interessante nella composizione dei nostri menù. Possiede proprietà benefiche per l’organismo ed è perfettamente salutare.

Leggi anche: Come può cambiare il tuo corpo se mangi uno yogurt al giorno

In effetti, i nutrizionisti lo descrivono spesso come “priorità” tra i cibi salutari. Tuttavia, lo yogurt è un prodotto salutare solo quando ci si riferisce a quello naturale e senza zuccheri aggiunti.

Purtroppo, questi prodotti occupano solo un posto piccolissimo nei frigoriferi dei supermercati. Il resto dello spazio è solitamente dedicato a yogurt aromatizzati, spesso con elevate quantità di zucchero.

Senza dimenticare, ovviamente, tutti quei prodotti che troviamo in quella sezione, e che non dovrebbero nemmeno essere inquadrati nella categoria yogurt, ma anzi potrebbero essere definiti ‘dessert da latte’ (crema pasticcera, bicchieri di cioccolato, ecc.). Qui la quantità di zuccheri sale ancora di più.

Non controlli le etichette

Come abbiamo detto, gli alti livelli di zucchero contenuti in molti yogurt sono di solito il più grande problema se vogliamo fare una scelta sana. Pertanto, è fondamentale controllare le etichette. Lo yogurt naturale contiene uno zucchero tipico dei latticini (nella tabella nutrizionale vedremo che solitamente rappresenta tra i 4 ed i 5 grammi per 100g di prodotto). Ma questo non è lo zucchero da cui dobbiamo fuggire.

Quello da evitare è lo “zucchero aggiunto”. Ed è facile da identificare perché nella lista degli ingredienti apparirà sicuramente al secondo o terzo posto. Per legge, la lista degli ingredienti degli alimenti deve essere in ordine della quantità di ogni prodotto che contiene. L’ingrediente più presente per primo e così via. Controllando le etichette ti renderai conto di come nella maggior parte dei prodotti della sezione yogurt saranno presenti gli zuccheri aggiunti a cui non siamo interessati. Una regola pratica generale: più breve è l’elenco degli ingredienti per uno yogurt, meglio è.

Pensare che miele, sciroppo d’acero o altri dolcificanti siano alternative salutari

È vero che questi tipi di prodotti possono avere nella loro composizione alcuni nutrienti interessanti, ma non bisogna dimenticare che tutti, in una percentuale molto alta della loro composizione, sono zuccheri. Quindi, se trovi yogurt addolciti con questi tipi di prodotti, dovresti sapere che non sono un’alternativa “sana” e soprattutto magra.

Leggi anche: lo yogurt scaduto si può mangiare? Il parere di due esperti 

Credere che gli yogurt vegetali siano sempre più sani

Sembra che tutto ciò che è “vegetale” sia sempre legato a quell’allure di salute. Naturalmente, una dieta con più verdure e meno carne è un’ottima opzione (sia per la questione etica, di salute che ambientale). Ma ciò non significa che tutti i prodotti vegetariani che troviamo sul mercato siano sistematicamente sani. Ci saranno yogurt di soia, di latte di mandorle, latte di cocco, ecc. Che sono sani. Ma altri saranno anche delle bombe di zucchero o grassi. Di nuovo, dobbiamo tenere sotto controllo le etichette.

Perdi di vista altre alternative che possono essere salutari

Sebbene un tempo fosse più complicato, oggi non è difficile trovare altri derivati ​​del latte fermentato che siano altrettanto sani nei supermercatiQuesto è, ad esempio, il caso del kefir. Puoi trovarlo di latte vaccino e anche di latte di capra.

La differenza con lo yogurt è che la fermentazione non è solo lattica ma anche alcolica e i batteri non sono gli stessi. Il suo sapore è più acido dello yogurt, e nella sua versione più tradizionale e naturale è molto salutare. Ma, e non ci stancheremo mai di ripeterlo, la chiave sta nell’etichettata. Quindi non perderla mai di vista.