Categorie
tv

Antonella Clerici, “Ti lascio una canzone ” cancellato per sempre?

ROMA – “Ti lascio una canzone”, il programma condotto da Antonella Clerici discusso da sempre dall’Associazione Genitori, è stato cancellato definitivamente? Non è ancora certo ma in questi ultimi giorni molti rumors sono comparsi in rete in merito alla cancellazione definitiva o meno del programma.

Quel che è certo è che la trasmissione di Rai1 diretta da Antonella Clerici non è stata inserita nel palinsesto Rai 2014/2015, almeno per il momento. E la notizia è stata presa con forte soddisfazione dall’Associazione dei Genitori che per molti anni avevano chiesto l’annullamento del programma in quanto secondo loro, non tutelava i diritti dei bambini in televisione.

Ma perché “Ti lascio una canzone” è stato sospeso?

Stress, competizione, aspettative, illusioni: tutte cose nocive per i bambini, almeno secondo l’Associazione Genitori.

Secondo quanto riporta una nota di Fabrizio Assolini, presidente dell’AGE, diffuda a mezzo stampa, si può leggere:

“Nel programma i bambini sono adultizzati nell’abbigliamento e negli atteggiamenti manierati e zuccherosi, imbarazzati nel rispondere a domande sui sentimenti rivolte da chi conduce lo spettacolo: grottesche imitazioni degli adulti davanti a un pubblico osannante e alla commozione esibita di genitori sedotti dall’illusione di una labile fama dei figli da afferrare”.

La nota conclude con queste parole:

“L’auspicio è che in Rai e nelle televisioni private i bambini ‘facciano i bambini’ davvero ed esprimano le loro capacità innate, canore e non solo, con la serena spontaneità che gli è propria. Non bambini-strumento, ma bambini veri e veramente dotati. In un tono di allegria e semplicità, senza melassa”.

Da parte sua, la Rai sostiene di aver sospeso la messa in onda dell’evento solo per motivi commerciali, come anticipato dalla stessa Clerici alla fine dell’ultima puntata della passata stagione.

Tra l’altro, il programma potrebbe non essere stato cancellato definitivamente ma potrebbe tornare nell’autunno del 2015.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.