6 healthy foods che i nutrizionisti non mangerebbero mai

healthy-food-dieta

Gli healthy food sono i cibi del momento. Ma non tutto quel che è oro brilla. Come sempre accade quando un prodotto diventa popolare, la confusione regna sovrana e le persone si fanno un’idea propria del fenomeno, promuovendola senza ascoltare il parere degli esperti. Ci sono una serie di cibi che vengono presentati in commercio come salutari, sebbene per i nutrizionisti non siano la soluzione nella lotta ai chili di troppo.

Il sito americano Womenshealthmag ha selezionato ben 40 alimenti considerati healthy dalla maggioranza delle persone e che tuttavia i nutrizionisti non mangerebbero mai. Vediamone qualcuno. Partiamo con le patatine vegetali. Una chip fritta è una chip fritta, non importa se è fatta di barbabietole o patate. “L’ingrediente dannoso non è (necessariamente) la cosa fritta ma i grassi saturi e trans utilizzati nel processo di frittura”, dice Adrienne Youdim, M.D., specialista in nutrizione medica presso il Center for Nutrition a Beverly Hills. Inoltre, la maggior parte delle patatine vegetali contengono la stessa quantità di calorie delle patatine regolari, aggiunge Rubin. Meglio optare per l’essiccatore.

Ci sono poi gli smoothies preconfezionati, troppo spesso ricchi di zuccheri aggiunti e calorie , dice Jacquelyn Costa, R.D., dietista clinica presso la Temple University Hospital di Filadelfia. “Un frullato commerciale da 560 grammi può arrivare da 200 a 1.000 calorie, da 1 a 30 grammi di grassi e da 15 a 100 grammi di zucchero aggiunto”, afferma. Passiamo alle barrette proteiche, anch’esse troppo spesso confezionate con altre forme di dolcificanti (sciroppo di barbabietola, sciroppo di riso integrale, sciroppo di canna), grassi in eccesso (olio di palmisti, olio di girasole), più colori e aromi artificiali. Ci sono poi i protein cookies. Sebbene trasmettano il messaggio di essere più sani rispetto a quelli normali, sono davvero elaborati. Se si vuole mangiare un biscotto, dice Lisa Moskovitz, R.D., CEO del New York Nutrition Group, meglio limitarsi a uno vero un paio di volte a settimana.

Anche l’olio di cocco non sembra essere così salutare, essendo che pieno zeppo di grasso saturi. “Nonostante i titoli che affermano che il grasso saturo non è male per te, la maggior parte della ricerche sono ancora a favore della scelta di grassi insaturi e di limitazione dei grassi saturi”, dice Jessica Levinson, R.D., esperta nutrizionale culinaria e autrice di 52-Week Meal Planner. Quanto allo yogurt, meglio evitare le varietà aromatizzate poiché ricche di zucchero. Meglio optare per quello naturale, arricchendolo con frutti secchi o bacche fresche.

Potrebbero interessarti anche...