Cancro all’intestino: mangiare pesce 3 volte a…

pesce-cancro-intestino

Mangiare pesce tre volte alla settimana riduce il rischio di cancro all’intestino. Lo suggerisce una ricerca dell’Università di Oxford, citata dal britannico Daily Mail. Gli studiosi hanno analizzato le diete di 476.160 persone seguendo le loro abitudini alimentari.

Lo studio ha rilevato che coloro che ne consumano tre o più porzioni hanno il 12% in meno di probabilità di sviluppare la malattia rispetto a coloro che ne mangiano solo una. I risultati dello studio si riferiscono a tutti i tipi di pesce, ma la percentuale si abbassa al 10% se si consumano solo pesci oleosi come salmone e sgombro. Per i ricercatori, i benefici del pesce sono dovuti agli acidi grassi che si pensa riducano l’infiammazione nel corpo. L’infiammazione può innescare il cancro danneggiando il DNA, come suggerito da precedenti studi.

“La nostra ricerca mostra che mangiare pesce potrebbe ridurre il rischio di cancro all’intestino e dovrebbe essere incoraggiato come parte di una dieta sana”, ha affermato il dottor Gunter. “Il consumo di pesce sembra ridurre il rischio di cancro del colon-retto (intestino) e dovrebbe essere incoraggiato come parte di una dieta sana”, hanno scritto gli autori. Quanto agli integratori di pesce: “Un aspetto negativo dello studio è che i dati dietetici raccolti dai partecipanti non includevano informazioni sull’assunzione di integratori di olio di pesce”, ha specificato Gunter.

Lisa Wilde, direttrice della ricerca e degli affari esteri di Bowel Cancer UK, ricorda che “Apportare semplici cambiamenti al tuo stile di vita può aiutarti a impilare le probabilità contro il cancro intestinale”. Questo include cereali integrali, fibre e pesce nella dieta, ma anche avere un peso corporeo sano; fare un’attività fisica regolare; evitare le carni lavorate e limitare la carne rossa possono essere alcune delle azioni da mettere in pratica come forma di prevenzione della malattia.

 

 

Potrebbero interessarti anche...