Categorie
cucina

Joel Robuchon, “chef del secolo” nel suo ristorante senza tavoli

ROMA – E’ stato da molti critici gastronomici lo “chef del secolo”, tra caviale imperiale e purè serviti al bancone, in un ristorante senza tavoli. Joel Robuchon, uno dei cuochi più premiati al mondo, dopo aver conquistato Parigi è pronto a sbarcare con i suoi ristoranti in 5 altre città nel 2013. Solo in Italia Robuchon non è riuscito a far capire l’ultima rivoluzione della sua vita, iniziata in una famiglia povera, continuata come mancato seminarista adottato dalle sorelle in cucina e consacrata da 28 stelle Michelin, più di ogni altro al mondo.

La formula del bancone di lusso è il frutto di un esilio culinario durato sette anni. Il primo ristorante senza tavoli, a Parigi, è stato l’Atelier di Saint Germain, a cui è seguito, nel 2010, l’Atelier Etoile, a due passi dall’Arco di Trionfo. “Durante il mio lungo sabbatico – racconta Robuchon – In quel periodo ho capito che era finito il tempo della cucina sofisticata, delle tre stelle a tutti i costi. Ho scoperto che quello che la gente cerca al ristorante è innanzitutto la convivialità. Sono ripartito con il bancone del primo Atelier pensando ai giapponesi, timidi e riservati, disponibili ad aprirsi solo nei sushi bar. Poi mi sono ispirato ai tapas bar spagnoli. E ho costruito una cucina aperta. Così svaniscono i sospetti dei clienti su quello che serviamo”.

Cosa è cambiato con il bancone per i clienti?”«Si sentono più sicuri”, spiega lo chef che ha già locali in 9 città, in Europa, Stati Uniti e Asia. “Ci sono studi che dimostrano che i commensali che si trovano fianco a fianco sono più socievoli di quelli che mangiano uno di fronte all’altro. Aumenta lo scambio di idee e di sensazioni”.

Il numero dei ristoranti del bancone, da gennaio, crescerà ancora. “Apriremo nel 2013 – annuncia Robuchon – a Budapest, Beirut, Mumbai, Bangkok e Shanghai. In Italia? Volevo aprire a Milano, ma non ci sono riuscito. Eppure il concetto della convivialità del bancone andrebbe benissimo da voi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.