Categorie
cinema

“Le iene”, il gioiello cinematografico di Quentin Tarantino da rivedere

ROMA – Chi non ha avuto la fortuna di vedere “Le iene” al cinema nel lontano 1992, dovrebbe correre ai ripari e non perdersi questo gioiello cinematografico, che rappresenta il debutto alla regia dell’ormai mitico Quentin Tarantino. Lo schema del film è quello classico di molti noir, utilizzato anche da Kubrick quando girava “Rapina a mano armata”; otto personaggi che non si conoscono si uniscono per compiere una rapina ma, a causa del tradimento di uno di loro, questa fallisce. Tarantino alla sua opera prima si rivela già un Maestro; innanzitutto per la sceneggiatura, così “politically uncorrect”( basti vedere come vengono trattati verbalmente i “negri”), per la complessità dei personaggi, che vogliono essere al contempo cinematografici e veri e poi per l’immensa capacità di trasformare la violenza in spettacolo e in commedia. Un cast pazzesco( Harvey Keitel, Steve Buscemi, Tim Roth e molti altri) completa il tutto, rendendo “Le iene” un film cult che ha saputo influenzare molti registi negli anni a seguire e che ha saputo imporre all’attenzione del pubblico di tutto il mondo il grande talento di questo regista italo americano, fino ad allora un semplice commesso di una videoteca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.