Categorie
cinema

“Io sono Li”, il film di Andrea Segre da rivedere

ROMA – Già apprezzato documentarista, Andrea Segre esordisce nel cinema di finzione con una pellicola delicata ed emozionante, che gli è valsa numerosi premi e riconoscimenti. “Io sono Li” è un film che riesce abilmente a mescolare tematiche forti come l’emarginazione e la fatica di essere “diversi” e paesaggi affascinanti come quelli che solo la lagunare Chioggia sa offrire.

Shun Li (la convincente Zhao Tao) confeziona quaranta camicie al giorno per pagare il debito e i documenti che le permetteranno di riabbracciare suo figlio; malinconica e piena di grazia, trova solidarietà in Bepi, un pescatore slavo gentiluomo. L’originalità del film, che riesce ad alternare momenti fortemente drammatici ad altri molto più leggeri, è anche da ricercare nei luoghi; finalmente non più Roma, fin troppo presente nelle pellicole italiane, ma paesaggi “nuovi”, che sono esaltati dall’intensa fotografia di Luca Bigazzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.