Categorie
benessere

I segnali che indicano che stai assumendo troppo sale nella tua dieta

Il consumo eccessivo di sale può causare seri problemi di salute. Gli eccessi, quando si tratta di cibo, non sono mai una buona scelta. Il sale è un alimento base nelle nostre cucine, che utilizziamo da secoli per condire ed esaltare il sapore di i nostri pasti. Ma dobbiamo stare attenti alla quantità di sale che mangiamo, poiché se troppo elevata può portare a significativi problemi di salute.

I Dott. Domingo Carrera, specialista in Nutrizione presso il Centro Medico-Chirurgico per Malattie Digestive, ha spiegato al sito Hola! quali sono i segnali che ci indicano che stiamo assumendo troppo sale.

Leggi anche:  Sale nascosto: i cibi dove lo troviamo.

L’esperto ha preso in esame i sintomi che ci indicano che vi è un eccesso di consumo di sale.

-La prima cosa che notiamo è che siamo continuamente molto assetati .

-In seguito notiamo anche la secchezza delle mucose (labbra, bocca, genitali) e la pelle in generale.

-Vogliamo urinare continuamente, ma poi uriniamo poco volume e di un colore giallo o arancio intenso.

-Sono presenti edemi o ritenzione di liquidi che si accumulano sulle caviglie, basso ventre, palpebre, mani e piedi.

-Possiamo avere nausea e persino episodi di vomito.

-Può sopraggiungere diarrea, e a volte stitichezza.

-Possiamo sentire bruciore di stomaco e digestione pesante, con gas e reflusso gastroesofageo.

-Potremmo avere mal di testa e difficoltà di concentrazione. Potrebbe portare a confusione mentale con irritabilità e ansia.

-Puoi perdere l’appetito e sentire meno sapore nel cibo, e anche sentirti molto attratto dai cibi salati.

-Possiamo anche soffrire frequentemente di crampi muscolari e sentirci più stanchi del normale.

-Infine, possiamo avere difficoltà a respirare e soffrire di coliche renali a causa della formazione di calcoli .

Importanza del sodio

Il sodio è un minerale necessario per il nostro corpo. Dov’è allora il problema? “Il sodio è necessario per regolare l’acqua nell’organismo e interviene nella conduzione dell’impulso nervoso e della contrazione muscolare. Ma, come quasi tutto, deve essere presente in quantità adeguate, né in eccesso né in difetto” spiega il medico.

L’esperto, aggiunge che la quantità massima di sale (cloruro di sodio) che dovremmo ingerire è di 5 grammi al giorno (un cucchiaino pieno di caffè), che equivale a 2 grammi di sodio al giorno. La maggior parte (80%) del sale che consumiamo è già nascosto nel cibo (che viene aggiunto agli alimenti dall’industria alimentare). E solo il 20% è quello che aggiungiamo noi e che possiamo controllare.

E se desideri qualcosa di salato?

La verità è che a volte sentiamo la necessità di mangiare qualcosa di salato. Ma niente paura perché la soluzione c’è. corpo ci chiede di dargli cibo salato. C’è una soluzione. Lo specialista spiega che possiamo mangiare cibi che hanno sapore, sfruttando spezie, erbe o limone.

Questi ingredienti sono innocui e aromatizzano il cibo, mitigando la voglia di salato. “Anche il potassio è anche un esaltatore di sapidità. Quindi possiamo mangiare cibi ricchi di potassio, ma senza esagerare. Mangiare frutta come anguria, banana, papaia, prugna, mandorle, mango, kiwi e arancia e uva uvetta e pistacchi. Yogurt naturale, patata dolce, avocado, spinaci e, in generale, tutti i legumi, che sono ricchi di potassio “.

Cosa succede se assumiamo troppo sale

Dobbiamo tenere sotto controllo la quantità di sale che assumiamo, soprattutto per evitare problemi di salute. Senza dubbio, uno dei principali è l’aumento della pressione sanguigna. In caso di pressione alta, infatti, le pareti delle arterie subiscono troppa pressione a causa dell’aumento dell’acqua nel corpo e del volume del sangue, producendo alterazioni della parete dei vasi con il conseguente rischio di formazione di trombi e placche ateromatiche. Situazioni che possono provocare infarti cerebrali e cardiaci.

“La pressione alta può anche generare aritmie, così come produrre calcoli renali e deteriorare la funzione renale. Può causare dispepsia e infiammazione nel rivestimento dello stomaco innescando gastrite, ulcere gastriche e persino cancro allo stomaco. E, ultimo ma non meno importante, può causare osteoporosi con conseguente rischio di fratture, poiché un eccesso di sodio provoca la perdita di calcio nelle urine “, spiega lo specialista.

Riduci la quantità di sale nei tuoi pasti

Come possiamo ridurre gradualmente la quantità di sale nei nostri pasti? Il medico sottolinea che esistono alcuni modi efficaci.

Al posto del sale usa le erbe come prezzemolo, origano, basilico, rosmarino, timo, coriandolo, alloro, ecc. Aggiungi anche pepe, paprika, cumino, aglio, cannella, curcuma, finocchio, zenzero, ecc. Il limone può essere aggiunto ai pasti, e aiuta ad esaltarne il sapore”, suggerisce.

E sottolinea che dovremmo ridurre il più possibile il consumo di alimenti trasformati, congelati e confezionati, poiché spesso contengono sodio nascosto. Dovremmo invece scegliere prodotti naturali e freschi. Gli alimenti ricchi di potassio possono essere consumati frequentemente.