Categorie
benessere

La dieta crudista può aiutarti a dimagrire?

Se non sei un appassionato di cucina, la dieta crudista può sembrare un sogno che si avvera. I sostenitori della dieta crudista credono che riscaldare il cibo al di sopra di una certa temperatura distrugga i nutrienti (in particolare gli “enzimi”). Quindi, in questa dieta è prevista la cottura ZERO. Non solo. Chi segue questo approccio alimentare ritiene che aiuti anche a dimagrire. Doppia vittoria, no?

Una dieta a base di cibi crudi include naturalmente molta frutta fresca, verdure crude, noci e cereali germogliati. Certamente, alimenti che sono molto più nutrienti di tanto altro cibo spazzatura o alimenti ultra lavorati.

Ma ha senso limitare la propria dieta ai soli cibi crudi? La dieta crudista può aiutarti a perdere peso? E perché dovresti evitare cibi sani come i broccoli al vapore, la quinoa o legumi come lenticchie o fagioli?

Ecco cosa devi sapere sulla dieta crudista.

Cos’è la dieta crudista?

Una dieta di cibi crudi è quella che esclude i cibi cotti e si basa su frutta e verdura crude, con quantità minori di noci, semi, cereali e alcuni legumi crudi o ammollati e germogliati.

Il movimento dei cibi crudi risale all’inizio del XX secolo, quando un medico svizzero di nome Maximilian Bircher-Benner pubblicò il suo lavoro sui benefici nel seguire “una dieta equilibrata di frutta e verdura cruda”. La sua ricerca si è basata sulla seconda legge della termodinamica, che afferma che più energia viene modificata o trasferita (cioè, attraverso la cottura), più viene sprecata o persa. Ha anche sottolineato che nessun’altra specie cucina il loro cibo. 

Le diete crudiste di oggi si attengono alla filosofia “crudo è migliore” di Bircher-Benner, ma la maggior parte degli aderenti segue una propria interpretazione.

Proprio come una dieta vegana, alcuni seguaci della dieta crudista sono più lassisti, altri più severi.

Anche se non esiste una ripartizione fissa dei macronutrienti e non c’è una lista fissa degli alimenti che si possono mangiare, ci sono alcune regole che vanno seguite. La più importante, ovviamente, è che la maggior parte della tua dieta sia composta cibi crudi, ovvero cibi che non sono stati “cotti” oltre 42-43 gradi.

Ma chi ama i cibi completamente crudi, spesso si discosta anche da questa regola. Alcuni scelgono cibi che sono affatto cotti. Altri scelgono di far germogliare i cibi.

Cosa posso mangiare in una dieta crudista?

Chi segue questo approccio alimentare crede che il cibo sia più sano se consumato nella sua forma naturale e non cotta. Secondo la teoria (e ricorda che non tutte le teorie sono dimostrate), cucinare il cibo può produrre tossine e azzerare il valore nutritivo degli alimenti. Cosa puoi mangiare in una dieta a base di cibi crudi? Se non hai bisogno di cucinarlo, puoi mangiarlo.

Una volta rimosso il calore dall’equazione, esclude automaticamente tutti gli alimenti che è necessario cucinare per gustarli – come pasta, riso, fagioli e carne (anche se alcuni pochi seguaci dicono di mangiare anche carne cruda, e tecnicamente il sashimi sarebbe consentito) .

E poiché le verdure non possono essere cotte, bollite, saltate in padella o cotte in forno, significa che dovresti rinunciare a diversi piatti gustosi e salutari come pasta di zucchine, sformati di verdure o riso al cavolfiore.

Elimina anche gli alimenti che vengono riscaldati prima di arrivare a te, come i latticini pastorizzati, gli alimenti trasformati (anche frutta o verdura congelata e in scatola sarebbero vietate) e praticamente tutto ciò che contiene zucchero raffinato, caffeina e alcol .

Se ti sembra un po’ un regime alimentare difficile, hai ragione: la dieta crudista è uno dei piani più severi in circolazione. 

Una dieta a base di cibi crudi consisterà principalmente in verdure a foglia verde scuro, altri prodotti freschi, cereali germogliati, noci e semi. Ovviamente tutta la frutta e tutte le verdure che si possono mangiare da crude come carote, finocchi, sedano, pomodori. E forse un po’ di sashimi se non stai seguendo una dieta vegana crudista.

Questa dieta è perfetta se odi cucinare?

Ricordi come abbiamo detto che una dieta a base di cibi crudi potrebbe piacerti se odi cucinare? Ebbene, poiché il cibo può essere riscaldato a una certa temperatura, molte tecniche di cottura sono “consentite” in una dieta di cibi crudi. Come è possibile? In questa dieta, la disidratazione, l’ammollo e la germinazione possono sostituire la  tostatura, il soffritto e la frittura. Ma poiché la temperatura non può superare un certo intervallo, il tempo di “cottura” spesso aumenta. Invece di minuti, le ricette vengono misurate in ore, specialmente quelle che richiedono un disidratatore.

E anche se i piatti sono veramente “crudi”, ti richiederanno di preparare tutti i prodotti. Quindi, se stai cercando una scusa per non passare il tempo in cucina, una dieta a base di cibi crudi ti deluderà.

Quali sono i vantaggi di una dieta di cibi crudi?

Abbiamo stabilito che questo approccio alimentare può sembrare eccessivamente restrittivo e può richiedere più tempo di quanto ti aspetteresti per preparare i tuoi pasti “crudi”. Ma ci sono anche dei vantaggi. Uno fra tutti: mangerai più cibi integrali e molto meno cibo spazzatura. Questa è decisamente una buona cosa.

Uno dei più grandi vantaggi di questa dieta è che molti degli alimenti che consumiamo tradizionalmente crudi – come insalata, frutta, noci, semi e alcuni cereali integrali – sono tra gli alimenti più sani disponibili.

I cibi crudi sono davvero più nutrienti di quelli cotti?

Dipende. La ricerca suggerisce che  alcuni tipi di cottura possono produrre più sostanze potenzialmente nocive chiamate ammine eterocicliche rispetto ad altri. E, naturalmente, una dieta che ruota attorno al fast food e allo zucchero raffinato non sarà la scelta più salutare.

Per quanto riguarda le verdure cotte, invece, è un po’ meno netta. Alcune verdure perdono un po’ del loro valore nutritivo durante il processo di cottura. Ad esempio, i  broccoli perdono circa un terzo del loro contenuto di vitamina C  quando vengono bolliti (ma non ne perdono quasi nulla quando sono cotti a vapore).

Altri alimenti acquisiscono effettivamente  valore nutritivo durante il processo di cottura. Ad esempio, la ricerca ha dimostrato che la  cottura dei pomodori aumenta i livelli di licopene.

E ci sono molti altri motivi per cucinare determinati cibi. Ce ne sono alcuni che molte persone trovano più facili da digerire quando sono cotti, comprese le verdure. Altri sono immangiabili o pericolosi da consumare se non cotti, come fagioli, cereali e proteine ​​animali.

Un altro fattore importante da considerare: se non ti piacciono le verdure crude, non le mangerai. Caso in questione: mi piace il cavolfiore grigliato, ma non c’è alcuna possibilità che io sgranocchi le cimette crude.

Quindi, anche se cucinare il cavolfiore abbassa leggermente il contenuto nutrizionale, è comunque meglio di zero vitamine e minerali. In sostanza, per coloro a cui non piace il gusto delle verdure crude, è molto meglio mangiare versioni cotte piuttosto che nessuna.

Quali sono i rischi di una dieta di cibi crudi?

Quali sono i rischi di una dieta a base di cibi crudi? Innanzitutto, è un approccio alimentare restrittivo. E, come sai,  quando una dieta è troppo restrittiva, è più difficile riuscire a seguirla per unn lungo periodo.

Inoltre, poiché ci sono così tanti cibi nella lista proibita, ottenere i nutrienti di cui hai bisogno può essere una sfida. Le diete crudiste sono estremamente limitanti e spesso mancano di nutrienti essenziali. Seguire a lungo una dieta crudista è fattibile, ma richiede un’estrema attenzione ai dettagli che una persona media spesso trova difficile.

Basti pensare alle proteine. Non solo la dieta di cibi crudi è tipicamente priva di carne, ma sono vietate anche alcune delle migliori fonti di proteine ​​vegetariane. Quindi diventa difficile assumere la quantità giornaliera raccomandata. Ad esempio, lo yogurt e la ricotta sono tipicamente pastorizzati. E le uova e la maggior parte dei fagioli devono essere cotti, mentre il tofu è preparato in modo tale da non essere un alimento crudo.

Poi c’è il problema delle fibre, una sostanza nutritiva che assumi in abbondanza quando segui una dieta cruda. La maggior parte di noi non riceve abbastanza fibra, è vero. Ma passare improvvisamente a una dieta ricca di cibi crudi o completamente crudi può aumentare drasticamente l’assunzione di fibre. Anche se non esiste una quantità specifica di fibra considerata eccessiva, è meglio aumentare l’assunzione di fibre lentamente per consentire al tuo corpo di adattarsi.

Una dieta a base di cibi crudi mi aiuterà a perdere peso?

Mangiare più frutta e verdura e meno alimenti trasformati è sempre un’abitudine sana. E inutile dire che se bandisci cibo spazzatura, fritti, dolci e prodotti ultra lavorati probabilmente vedrai alcuni risultati positivi sulla bilancia. Ma non è la mancanza di cottura che stimolerà improvvisamente la tua perdita di peso .

Non c’è niente di magico in una dieta di cibi crudi che ti farà perdere peso. Ma mangiare cibi più salutari e ricchi di nutrienti può aiutarti a gestire meglio il tuo peso.

Puoi ottenere questi benefici da una dieta mediterranea, senza rinunciare a fagioli, cereali, noci e tutti quegli altri alimenti di base sani che rendono il tuo programma alimentare più gestibile.