Categorie
benessere

Ecco la chiave per risolvere i problemi della digestione lenta

Soffrire di digestione lenta e pesante è un problema molto comune per molte persone. Oltre al disagio di questo disturbo come gonfiore addominale, dolori all’addome o gas, la digestione lenta può anche causare irritabilità, sonnolenza e affaticamento.

Per evitare la digestione lenta e i relativi effetti collaterali, la chiave è seguire alcune semplici linee guida nel mangiare che ci facciano dimenticare il disagio in modo più semplice possibile.

Mangia meno e più spesso

E, ovviamente, senza fretta. Quando esageriamo con la quantità di cibo, siamo inevitabilmente destinati a una digestione lenta e pesante. Il modo migliore per evitarlo è fare più pasti al giorno (5 volte è perfetto). In questo modo, non solo eviterai una cattiva digestione, ma manterrai anche il tuo metabolismo più attivo. Assicurati che i due pasti intermedi siano spuntini leggeri, evita cibi fritti e ultra elaborati e cena almeno due ore prima di andare a dormire.

Leggi anche:  8 consigli per attivare il metabolismo e dimagrire (senza andare in palestra)

Fai spazio agli infusi

Non aspettare di sentire lo stomaco pesante per bere un infuso. Solo sostituendo il caffè con un tè verde dopo aver mangiato, aiuterai moltissimo il tuo sistema digestivo. Se sei incline ai gonfiori, scegli una camomilla con anice. Eviterai quel fastidioso problema e inoltre eliminerai la pesantezza di stomaco. Il dente di leone è un’altra pianta che non dovrebbe mancare nella tua dispensa, perché ti aiuterà anche a purificare fegato e reni, eliminando le tossine attraverso l’urina. Il sambuco, il boldo, la bardana o la genziana sono altre piante che dovresti tenere in considerazione per alleggerire i processi digestivi.

Fibra sì, ma senza esagerare

Un consumo quotidiano di fibre è necessario per un buon transito intestinale, ed è vero che molte persone non assumono le quantità necessarie di fibra. Ma in alcuni casi assumiamo più fibre del necessario, oppure ne assumiamo troppe contemporaneamente. Questo si traduce in gonfiore addominale, flatulenza e digestione lenta.

Le verdure crude, ad esempio, pur essendo ricche di fibre (sia solubili che insolubili) e molto importanti per la nostra salute, è meglio consumarle durante l’arco della giornata. Lo stesso vale per i cereali integrali; non smettere di consumarli, ma fallo con moderazione.

Consumo moderato di grassi animali

E non ci riferiamo solo alla carne, ma anche a pesci grassi come salmone e sgombro, o tuorlo d’uovo. Tutti questi alimenti devono far parte di una dieta sana, è vero, e possiamo consumarli quotidianamente, ma sempre controllandone le quantità. Questo perché questi tipi di grassi sovraccaricano lo stomaco e anche la cistifellea.

In un’altra sezione ci sono le carni lavorate, che non solo rendono difficile la digestione, ma sono anche sconsigliate se vogliamo prenderci cura, tra le altre cose, della nostra salute cardiovascolare e dei nostri livelli di colesterolo.

Riduci la quantità di latte che bevi

Non devi essere intollerante al lattosio perché il latte ti sia indigesto. La colpa non è solo del lattosio, poiché non bisogna dimenticare che è anche un grasso di origine animale che, per di più, è ricco di proteine ​​complesse. La somma di questi tre fattori rende il latte un prodotto abbastanza indigeribile.  Cerca di ridurre il più possibile il tuo consumo e alternalo con le versioni vegetali.

Foto Credit: cortesia probioticreviewgirl