Diabete: usare troppo collutorio ne può aumentare il rischio

Denti, sbiancanti "fai da te" attenzione: "inefficienti e rischiosi"dio naturale? Si può! Ecco come

ROMA – Diabete: usare troppo collutorio ne può aumentare il rischio. Attenzione a non utilizzare troppo il collutorio. Secondo quanto emerso da una ricerca della Harvard School of Public Health che è stata pubblicata su Nitric Oxide, infatti, il liquido antibatterico può uccidere microbi utili che vivono in bocca e proteggono dall’obesità e dal diabete.

Insomma, il collutorio funziona “troppo bene” ed è proprio la capacità di questo prodotto di uccidere i batteri a favorire il rischio di diabete. I ricercatori hanno preso in considerazione un campione di 1106 persone, tra i 40 e i 65 anni. Il 17% di loro aveva sviluppato il diabete o era in una fase di pre-diabete, percentuale che aveva raggiunto il 20% tra chi usava il collutorio una volta al giorno e il 30% per chi arrivava ad usarlo per due volte, al mattino e alla sera.

Stando alla ricerca alcuni batteri della bocca hanno un ruolo attivo nei riguardi del corpo per produrre ossido nitrico, che regola i livelli di insulina. Il liquido del collutorio agirebbe in maniera indiscriminata togliendo tutti i batteri presenti, anche quelli che hanno una azione positiva.

Questo, certo, non vuol dire che si debba rinunciare ad utilizzare il collutorio ma semplicemente che sarebbe bene limitarne l’uso. A tal proposito, recentemente il tabloid Daily Mail ha chiesto qualche consiglio ai due esperti Richard Marques,dentista di Londra che cura alcuni dei sorrisi più celebri, e a Nigel Carter, direttore generale della Oral Health Foundation britannico:

  1. Utilizza uno spazzolino elettrico. Gli esperti sono concorsi nel sostenere che pulisce meglio di uno spazzolino manuale.

  2. Lavati i denti due volte al giorno (almeno). Bisogna spazzolarsi i denti ogni mattina, appena alzati, almeno per due minuti, e la sera, prima di andare a dormire.

  3. Utilizza il filo interdentale. È fondamentale per pulire lo spazio tra i denti in cui spesso si accumula la placca. Va usato almeno una volta al giorno.

  4. Pratica la giusta pressione sullo spazzolino: i denti non vanno spazzolati in modo troppo vigoroso, per non intaccare lo smalto, ma nemmeno in modo troppo delicato, altrimenti non si rimuove la placca. Importante anche la scelta delle setole giuste: più o meno morbide a seconda dei nostri denti e della pressione che esercitiamo.

  5. Fai degli sciacqui con l’olio di cocco: aiuta a rimuovere placca e batteri dallo spazio interdentale.

  6. Fai attenzione ai dentifrici sbiancanti: meglio optare per quelli con ingredienti naturali come il carbonato di calcio e il silice.

  7. Infine: vai dal dentista almeno due volte l’anno.

Potrebbero interessarti anche...