Categorie
attualità

Paura per la vita di Bobbi, la figlia di Whitney: potrebbe suicidarsi

ROMA- Dopo la tragica morte della cantante Whitney Houston, si teme ora per l’incolumità della figlia, Bobbi Kristina, che – secondo i familiari – potrebbe tentare il suicidio dopo la morte della madre. La 18enne, figlia di Whitney e Bobby Brown, sarebbe stata ricoverata una seconda volta, dopo un primo controllo fatto sabato sera in seguito allo choc in una clinica di Beverly Hills.

Bobbi era infatti molto legata ala mamma. Dopo la morte della madre, Bobbi, che si separava raramente dalla cantante americana e in pubblico le teneva spesso la mano, è “annientata”, scrive Le Matin. Il suo entourage teme che voglia “raggiungere la madre” e spera che rimanga in ospedale qualche giorno. Dopo di che – rivela il giornale – dovrebbe andare a vivere dalla nonna ad Atlanta. Le due donne erano molto unite. Tra le macabre coincidenze, rivelate dal sito di gossip Tmz, il fatto che la notte del decesso della star, la figlia si è assopita a sua volta nella vasca da bagno della stanza d’albergo vicina a quella della madre e la sicurezza ha dovuto forzare la porta per entrare.

Il padre, Bobby Brown, che è stato sposato con Whitney dal 1992 al 2007, tra voci di violenze e consumo di stupefacenti, è andato ieri a trovare la figlia in ospedale. I fan lo hanno contestato fuori dalla clinica.

Fonti: TMNews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.