Vacanze in Grecia? Non rinunciare: ecco i consigli per renderla magnifica

Vacanze in Grecia? Non rinunciare: ecco i consigli per renderla magnifica

ROMA – Vacanze in Grecia? Non rinunciare: ecco i consigli per renderla magnifica. Avete prenotato una vacanza in Grecia? Niente panico, non è necessario rinunciare a causa degli ultimi avvenimenti. Nonostante i vari allarmi -come quello del quotidiano greco To Vima che segnala 50mila cancellazioni di prenotazioni al giorno- godere al meglio della vacanza in Grecia è possibile, basta seguire alcuni semplici consigli come quelli dispensati da Luca Battifora, presidente di Astoi Confindustria Viaggi:

Denaro e medicine – ”Il Ministero del Turismo greco ha più volte rassicurato in tal senso – spiega Battifora – i circuiti bancari per i turisti continueranno ad erogare contanti. Comunque portarsi un po’ più di cash con sé può essere una precauzione di buon senso e noi la suggeriamo, come sottoscrivere un’ assicurazione sanitaria”.

Last minute – Secondo il presidente di Astoi è inutile aspettare a prenotare sperando in un crollo dei prezzi: ”Siamo a luglio, se dovevano esserci delle promozioni, per questa data sarebbero già uscite. Non credo si possano prevedere significativi abbattimenti dei prezzi, perlomeno per le partenze di altissima stagione ovvero fine luglio e agosto”.

Alberghi e voli – ”Nessun rischio di trovare alberghi a mezzo servizio, almeno per chi ha prenotato tramite agenzia perché i tour operators stanno tenendo monitorato il livello di servizio delle strutture con le quali lavorano – rassicura Battifora – e, ad oggi, non ci sono segnali di preoccupazione. Se dovessero verificarsi dei disservizi, i tour operators interverranno nei limiti del possibile per tutelare la vacanza dei propri clienti”.

Rischio criminalità – ”Il problema criminalità in Grecia non si è mai presentato, perlomeno come fenomeno diffuso e quindi come potenziale fonte di pericolo per i turisti”, chiarisce il presidente.

Trasporti e sicurezza – Non è possibile escludere disservizi, magari causati da scioperi o proteste di lavoratori, ma c’ è da star tranquilli per quanto riguarda la sicurezza dei mezzi di trasporto, la cui ”manutenzione è regolamentata da standard internazionali, con verifiche periodiche, sia nel mondo del trasporto aereo che nello shipping e non è di pertinenza del singolo Stato o Paesi. Non solo, gli aerei utilizzati dai tour operators sono in netta predominanza di compagnie italiane o di altri Paesi europei e solo per una minima parte si tratta di compagnie elleniche. Sono poi gli stessi tour operator a gestire i pagamenti verso le compagnie aeree e, pertanto, i flussi finanziari non sono inficiati”.

All inclusive – Secondo l’Astoi è sempre consigliato, tuttavia, rassicura Battifora, assicuriamo i flussi finanziari prepagando larga parte dei servizi che devono essere utilizzati successivamente dai clienti, proprio per garantire ai nostri fornitori un polmone finanziario, sufficiente ad assicurare gli standard del prodotto.

Potrebbero interessarti anche...