Imu-Iva, il rinvio: dalle merendine ai gadget, tutte le micro-tasse

vending machine

ROMA – Micro-tasse inserite nella “vita quotidiana”, per un valore di 550 milioni di euro, per recuperare i soldi persi dal rinvio di Imu e Iva e per finanziare gli ecobonus.

Gadget di riviste specializzate, merendine in pausa caffè, marche da bollo, borse termiche, sigarette elettroniche e rincaro della Robin Tax per le piccole imprese. Sono solo alcune di quelle che vengono chiamate “poor-tax“, oppure pocket tax, ovvero le tasse dei poveri: delle micro tasse disseminate qua e la che incidono apparentemente in piccolissime quantità sulla vita quotidiana ma che, arrivati a fine mese, fanno la differenza.

[LEGGI ANCHE: Crisi e vacanze estive, agriturismo per 3,5 milioni di italiani ]

Roberto Petrini sul quotidiano la Repubblica, offre una vasta gamma di esempi:
E’ il caso delle sigarette elettroniche: appena usciti dalla schiavitù del tabacco, circa 2 milioni di italiani si troveranno a dover pagare il 58,5% di imposta, con relativo rialzo dei prezzi, sulle e-cig (ieri la protesta dei produttori: settore distrutto). Anche la pausa caffè sarà più cara: proprio per finanziare gli ecobonus è stata aumenta l’Iva sulle macchinette che distribuiscono le merendine e i cappuccini negli uffici e nelle scuole. E’ salita dal 4 al 10%. Con relativi aumenti e un gettito di 104 milioni all’anno. Altri 125 milioni vengono invece da un settore in crisi come l’editoria: i gadget allegati ai giornali dovranno sottostare all’aliquota ordinaria del 21% e non più a quella del 4%.
Senza tralasciare l’aumento strisciante delle marche da bollo:
Per chi non se ne fosse accorto, dal 25 giugno la marca da bollo da 1,81 euro è passata a 2 euro,mentre quella da 14,62 è passata 16. In tutto un incasso di 197,2 milioni all’anno che serviranno per la giusta causa del terremoto in Abruzzo. Sicuri perché questa pocket-tax colpisce tutti e in molti momenti della normale attività quotidiana: fatture, atti dal notaio, passaggi di proprietà, iscrizioni all’università, richieste di documenti e passaporti. Infine […] la mini accisa sui carburanti il cui importo sarà quantificato successivamente con un provvedimento dell’agenzia delle dogane: aumenteranno benzina e gasolio. 
Certo è che per far quadrare i conti e non “sfasciare” i conti pubblici, da qualche parte i soldi bisogna pure andarli a pescare. Ma fa rabbia scoprire che poi lo stesso governo ha al contempo cancellato la tassa sul possesso degli yacht: fino a 14 metri si pagavano 800 euro, ora non si paga più nulla.E rinviato la Tobin tax, la tassa sulle transazioni finanziarie che non tocca certamente le fasce più basse di reddito: l’aliquota dello 0,2 sul trasferimento di proprietà delle azioni o di altri strumenti finanziari non si pagherà più il 16 luglio, ma il 16 ottobre.

Potrebbero interessarti anche...