Rapiva bambini per vendere gli organi: narcos arrestato in Messico

Rapiva bambini per vendere gli organi: narcos arrestato in Messico

MORELIA – Sospettato di aver rapito bambini con lo scopo di prelevare gli organi. Come riporta il Daily Mail, la polizia del Michoacán, in Messico, ha arrestato ieri Manuel Plancarte Gaspar, 34 anni, presunto membro del cartello dei Caballeros templarios. Il Segretario di Pubblica Sicurezza dello Stato di Michoacan, Carlos Castellanos Becerra, ha affermato che Manuel Plancarte Gaspar faceva parte del cartello che è dedito oltre ad altri reati, anche al traffico di organi.

Secondo quanto si legge sul Daily Mail, per Carlos Castellanos Becerra sembra non ci siano dubbi:

“L’uomo farebbe parte della cerchia del cartello specializzata nel traffico di organi”

Becarra ha dichiarato:

“Durante le indagini abbiamo raccolto diverse dichiarazioni che puntano verso una rete di sospetti che avevano il compito di individuare persone, soprattutto bambini, con determinate caratteristiche, per poi rapirli”.

Il funzionario ha anche aggiunto che i casi risalgono probabilmente a qualche anno fa, ma di non poter riferire alcun dettaglio specifico o spiegare il tipo di prove di cui sono in possesso visto che l’indagine è ancora in corso.

Becarra però ha potuto riferire alcune modalità del rapimento facendo trapelare notizie agghiaccianti. Una volta effettuato il rapimento, i minori venivano trasportati su dei furgoni (con molta probabilità avvolti nelle coperte  e rinchiusi all’interno di container frigo) in case prese in affitto, dove si procedeva alla rimozione dei loro organi.

Le dichiarazioni di Becarra danno credito alle ipotesi sempre più insistenti delle forze federali del Messico, che ritengono che il traffico di droga non costituisca più la principale fonte di reddito per il cartello dei Cavalieri Templari,  ma che ora sia sostituita dal traffico di pietre preziose, dal disboscamento illegale, l’estorsione, e appunto, il traffico di organi.

Fonte: Daily Mail

Potrebbero interessarti anche...