Categorie
attualità

Villa in Toscana? Crolla il prezzo ma non per la crisi

FIRENZE – I prezzi crollano ma la notizia buona è che, almeno per una volta, la crisi non c’entra o, almeno, non c’entra del tutto.

Se infatti il Sunday Times certifica che la villa d’epoca in Toscana, magari ristrutturata e con piscina vista campagna, non è mai stata così conveniente come oggi, il motivo non è da far ricadere nella crisi economica ma in una strana inversione di tendenza. La questione “villa in Toscana” è infatti molto cara ai quotidiano britannici in quanto il Chianti e dintorni sono stati da anni meta di appassionati e facoltosi pensionati inglesi. Ma oggi molti inglesi che hanno comprato da queste parti negli Anni 90 (quando c’è stato il boom della Toscana) iniziano ad essere anziani e una casa impegnativa in un Paese straniero è diventata per loro una fatica quasi insostenibile.

Certo poi la crisi che colpisce in prima istanza i beni di lusso ci mette lo zampino, ed ecco che i prezzi delle ville “crollano”. “La regione rimane più desiderabile che mai, e attira sempre più anche americani e russi”, assicura il Sunday Times. Ma c’è un però. “E’ la conseguenza inevitabile di un processo che è iniziato negli anni ’70 e ha preso slancio negli anni ’80 e ’90, quando distinti prepensionati inglesi compravamo proprietà immobiliari in rovina da ristrutturare. Adesso – spiega il quotidiano – sentono il peso degli anni e pensano che non possono o non vogliono più occuparsi di una grande casa lontana. Risultato: molte proprietà stanno arrivando sul mercato contemporaneamente”.

Il Sunday Times fa un esempio: il Castello di Montegualandro, con vista sul Lago Trasimeno, messo sul mercato nel 2008 a 20 milioni di euro, ribassato a 12 milioni nel 2009, a 10 milioni nel 2010, a 7 milioni l’anno scorso e adesso a 5,3 milioni. Fino a poco fa ci voleva in media un anno per vendere una villa. Adesso ce ne vogliono diversi. Senza contare che gli inglesi, con la crisi dell’euro, preferiscono stare a guardare e osservare le sorti della moneta unica. Con un ipotetico ritorno della lira quei beni si svaluterebbero ancora di più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.