Categorie
attualità

Il “macho latino” italiano non c’è più. Ora è spagnolo

E dire che una volta il maschio italiano era in cima alle classifiche del “macho latino”, vero e proprio emblema dell’amante perfetto a letto. Eppure ora, una ricerca condotta dal sitowww.One-Poll.com che ha intervistato 15mila donna di 20 nazionalità diverse, parla chiaro: gli italiani non sono i più iperattivi a letto. Il primo posto, con un’attività sessuale più frequente, se lo aggiudicano gli spagnoli, il secondo i brasiliani e solo terzi gli italiani. Quarti i francesi che fanno più l’amore (8,8 volte al mese contro il 7,6 degli italiani) ma solo perché convivono di più. La colpa? va tutta allo stress: lavoriamo troppo, facciamo meno sesso. Inoltre, secondo la ginecologa e sessuologa Alessandra Graziottin, la crisi del maschio italico e non solo, sarebbe stata determinata dalle donne, divenute più aggressive: “Le donne sono in una condizione di costante stress – spiega la Graziottin – dormono meno di quanto dovrebbero, sei ore e mezza anziché otto, producono cortisolo e adrenalina a tutto spiano, perciò sono più aggressive e irritabili. La mancanza di sonno sollecita la voglia di grassi e zuccheri, e questo abbassa la libido. Poi ci sono i bambini, il lavoro, le preoccupazioni, è una situazione di allerta senza interruzioni. Per il sesso di qualità ci vuole tempo, e il tempo non c’è mai. Fare l’amore è diventato come timbrare il cartellino, o come lavarsi i denti, qualche volta anche meno piacevole. All’impoverimento economico si è accompagnato un impoverimento sentimentale. Nessuno è il più grande amante in queste condizioni”.

Un “rallentamento” dovuto dunque a stress, a vita frenetica e alla mancanza di sonno che alzerebbe i livelli di adrenalina sì, ma facendo calare la libido. Il quotidiano “La Stampa” riporta poi come le donne risponderebbero all’insoddisfazione ricorrendo a sex toys  e siti per mogli scontente; a dimostrazione, il boom di iscrizioni al sito Gleeden.com, di cui, 45% sono donne.

Un impoverimento sentimentale che sarebbe correlato a quello economico. I figli e la mancanza di tempo completerebbero il quadro. Un circolo vizioso insomma molto pericoloso se è vero ciò che dicono i sessuologi, ovvero che sesso e amore, sarebbero proprio i mezzi più adatti per combattere questo difficile momento di crisi globale.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.