Categorie
attualità

L’obesità ti uccide: pesava 254 chili, morta a 20 anni

BRIGHTON (GB) – L’obesità ti uccide: pesava 254 chili, morta a 20 anni. Non ce l’ha fatta Samantha: all’età di 20 anni la giovane ragazza è morta per arresto cardiaco, quando il suo peso corporeo era arrivato a 254 chili. La storia di Samantha, però, è ancora più triste: la ragazza infatti era stata portata via da casa dei genitori dai servizi sociali per cercare di controllare il suo rapporto morboso e patologico con il cibo. La sua alimentazione era infatti diventata un problema serio per lei e i genitori non riuscivano più a gestirlo. Così i servizi sociali hanno deciso di ricoverarla in una clinica che potesse aiutarla a sconfiggere i suoi disturbi alimentari ma Samantha Packham, di Brighton, non ce l’ha fatta ed è morta per arresto cardiaco davanti agli occhi sconvolti della madre.

I genitori di Samantha, Malcolm e Jan, hanno confessato a Sunday People che probabilmente avrebbero potuto fare qualcosa in più per salvare la loro figlia. Ma nella stessa circostanza, hanno anche attaccato i servizi sociali perché una delle famiglie a cui Samantha era stata affidata, la lasciava mangiare da sola. E Samantha, che non riusciva a controllarsi, si rifugiava sempre in cibi take-away, che non facevano che aumentare i suoi problemi. Oltre ai problemi con l’alimentazione, Samantha aveva anche problemi di apprendimento. I problemi di Samantha con il cibo sono cominciati quando lei era ancora giovanissima. I genitori non hanno saputo gestire il problema spiegando che, quando una bimba è tanto piccola, non è facile (né educativo) toglierle il cibo di bocca. A casa provavano a preparare pasti sani ma Samantha, sulla via per la scuola, si fermava al supermercato a comprare ciò che si desiderava: cioccolata e biscotti. Tuttavia, pur sapendo che quelle cose sarebbero state deleterie per la figlia, non la hanno mai privata della paghetta che Samantha utilizzava solo ed esclusivamente per comprare da mangiare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.