Categorie
attualità

Jessica Biel, Mark Zuckerberg… e i patti prematrimoniali: anche in Italia?

ROMA – Mettere tutto nero su bianco, prima del matrimonio. Gli avvocati italiani si sono schierati compatti a favore dell’introduzione, anche nella nostra nazione, dei patti prematrimoniali, al centro di un dibattito che si è
svolto il 20 Ottobre al Forum della Famiglia di Napoli.

Oltreoceano i “prenuptials” -come sono chiamati i patti prematrimoniali– vanno per la maggiore. Scrive Elvira Serra sul Corriere della Sera:

“Fece scuola Jackie O. Quando sposò in seconde nozze il brutto e ricco Aristotele Onassis, nel 1968, Jacqueline Kennedy gli fece firmare un innocente contratto prematrimoniale che obbligava lei a non più di un rapporto sessuale al mese e lui a pagare una serie di spesucce, sempre e comunque: per i tradimenti, per le emicranie, per i piccoli acquisti in libera uscita (tre miliardi l’anno di argent de poche ). La classe media puritana statunitense si scandalizzò. Ma la vedova di Jfk sarebbe stata solo la prima e di sicuro la più lungimirante“.

Negli Usa ormai sono all’ordine del giorno tra gli sposi, soprattutto quando di mezzo ci sono star del cinema e dello sport o magnati dell’economia, ma qui in Italia le cose vanno diversamente. Si legge sul Corriere della Sera:

“Per carità: qui nessuno si sognerebbe di mettere per iscritto quante volte bisogna fare l’amore alla settimana, come ha chiesto la dolce Priscilla Chan a Mark Zuckerberg (una), il suo promesso sposo Facebook dipendente; e suonerebbe ridicolo strappare un abbonamento a vita per sé e famiglia alle partite dei Los Angeles Lakers, come ha preteso la star dei reality show Khloé Kardashian dal marito Lamar Odom, stella della Nba (oltre a una «paghetta» di mille dollari al mese soltanto per le cure di bellezza)”. 

Per i matrimonialisti italiani la questione è soprattutto economica:

Si eviterebbero inutili rimbalzi di carte bollate se, almeno sul piano economico, le cose fossero messe in chiaro prima. Perché la separazione non è mai portatrice sana di buoni sentimenti. «Un civile divorzio è una contraddizione in termini» dice a un certo punto Danny De Vito, avvocato di famiglia per esigenze di copione nella Guerra dei Roses . E lo ricorda anche la sua collega «reale» Laura Hoesch, del Foro di Milano, sulla base della lunga esperienza: «Tutte le separazioni avvengono in una dimensione di rancore, di diritti violati e di pretese risarcitorie che sono molto legate agli stati d’animo che nulla hanno a che fare con il contesto vero e proprio». Ecco perché secondo lei bisognerebbe cominciare a fare i prenuptial . «Purtroppo siamo così condizionati da questa cultura stereotipata che, se uno li chiede, sembra non abbia sentimenti».

E ancora:
Bernardini de Pace se ne infischia e già li fa. «E non si è ancora lasciata nessuna delle coppie che da me hanno firmato un patto confezionato su misura per loro, stabilendo, per esempio, quanta parte dello stipendio vada versata nel conto comune o quanti soldi debbano essere destinati alle emergenze, ai viaggi, ai vestiti» racconta con orgoglio. Basterebbe la felice statistica a promuoverli. Ma restano i problemi: «Uno su tutti il notaio, che si limita ad autenticare di malumore la scrittura privata. E invece sarà tutta fatica risparmiata se ci si troverà mai davanti a un giudice, che non dovrà diventar matto a calcolare il tenore di vita»”. 
In fondo, ad informarsi su cosa accade negli Usa con i patti prematrimoniali, c’è da leggerne delle belle:
“All’estero esistono almeno cinquanta tipi di patti prematrimoniali: con le clausole c’è da sbizzarrirsi. Jessica Biel riceverà mezzo milione di dollari se il marito Justin Timberlake la tradirà; Keith Urban, consorte di Nicole Kidman, se farà ancora uso di droghe non avrà diritto a un bel niente, oltre al divorzio. Ma non bisogna esagerare con le richieste: l’ereditiera Jemima Goldsmith, in predicato di nozze con Hugh Grant, aveva preteso nel contratto che lui stesse alla larga dai quartieri a luci rosse di qualunque città del mondo (visti i precedenti) e che fosse «videoreperibile» in ogni momento sul telefonino. Non si sono sposati più“. 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.