Gli italiani pessimisti per il 2022 tra pandemia e paure economiche

Gli italiani pessimisti per il 2022 tra pandemia e paure economiche

31 Dicembre 2021 - di Claudia Montanari

Sul fronte della paura economica, la maggioranza degli italiani crede che il 2022 sarà caratterizzato da difficoltà (il 46%) o da una situazione equivalente a quella già vissuta nel 2021 (41%). Un clima di poca speranza e poche aspettative caratterizza questo 2022. I livelli di speranza e di felicità in tutto il mondo sono condizionati dalla pandemia e devono ancora fare i conti con i persistenti timori di imminenti difficoltà economiche. Nonostante questo, ci sono differenze significative tra le varie macroregioni e i singoli Paesi. Che alle perplessità legate alla situazione economica riescono comunque ad affiancare la speranza per un futuro migliore.
Queste sono alcune delle evidenze emerse dal sondaggio di Fine Anno – la storica rilevazione condotta a livello globale fin dal 1979 dagli istituti di ricerca appartenenti al network Gallup International, di cui BVA Doxa è parte ed è responsabile della raccolta dati in Italia. Realizzata in più di 40 Paesi e basata su oltre 40.000 interviste, la ricerca è una tradizione consolidata in tutto il mondo, con i suoi Hope e Happiness Index e il tracking relativo all’andamento delle aspettative sulla congiuntura economica.

La situazione in Italia

Quasi la metà degli italiani (il 48%) afferma che l’anno prossimo sarà del tutto simile al 2021. Mentre la quota di chi crede che il 2022 sarà peggiore del 2021 si attesta al 36%. Solo poco più di un italiano su dieci (14%) vede nel 2022 un anno migliore rispetto a quello che sta per concludersi. I giovani, i laureati e i cittadini del Nord-Ovest risultano più ottimisti guardando al 2022, mentre i più pessimisti sono gli over 54 e i residenti al Nord-Est.



Sul fronte delle aspettative sulla congiuntura economica, la maggioranza degli italiani crede che il 2022 sarà caratterizzato da difficoltà (il 46%) o da una situazione equivalente a quella già vissuta nel 2021 (41%). Anche in questo caso, un italiano su dieci è convinto che il 2022 sarà un anno di prosperità economica.

Nonostante il quadro dettato dall’emergenza pandemica, i giovani sono più positivi anche sulla possibilità di superare le difficoltà economiche. Nonostante la pandemia non stia lasciando ampi spazi a scenari diversi da quelli vissuti quest’anno, sembra che tra gli Italiani prevalgano sensazioni positive. Il 39%, infatti, si dice felice, contro solo un 7% che si dichiara infelice, mentre la maggioranza si dice né felice né infelice (53%). Anche in questo caso, i giovani italiani, insieme ai laureati e ai cittadini del centro Italia sono le persone più felici del nostro Paese. Il Nord-Est, al contrario, si conferma l’area con la quota più elevata di pessimisti.

Pandemia e 2022, la speranza nel mondo

Con il 2021 ormai prossimo alla sua conclusione, in tutto il mondo c’è speranza per un futuro migliore, anche se non si raggiungono gli stessi livelli di qualche anno fa. Il 38% della popolazione mondiale, infatti, oggi pensa che il 2022 sarà migliore del 2021, il 28% si aspetta un anno peggiore e il 27% crede che il 2022 sarà uguale al 2021.

Il quadro appare simile a quanto si rilevava a fine 2020. Quanto al confronto con il passato recente, il 2008 resta ancora l’anno in cui si è registrato il tasso più alto di pessimismo nei confronti del futuro a livello globale.

Secondo l’Hope Index di Gallup International Association, dato dalla differenza tra le risposte “migliore” e “peggiore” date dai cittadini in tutto il mondo alla domanda circa le aspettative sul nuovo anno, la top 5 dei Paesi ottimisti è la seguente: Indonesia (+72), Albania (+65), Azerbaijan (+53), Nigeria (+51), Messico e Vietnam (entrambi con punteggio +47).

La top 5 dei Paesi meno ottimisti, al contrario, vede la Turchia e la Bulgaria al primo posto (entrambe con un punteggio di -34), seguite da Afghanistan (- 32), Polonia (-30) e Repubblica Ceca (-25). Rispetto ad un’analisi relativa alle macroregioni e ai Paesi più grandi, il rapporto tra ottimismo e pessimismo evidenzia un quadro relativamente stabile negli ultimi anni.

L’Europa, la Russia e il Medio Oriente tendono ad essere più pessimisti, mentre i restanti Paesi dell’Asia si rivelano più ottimisti. La speranza negli Stati Uniti, in Germania, nel Regno Unito, in Australia e in India è in netto calo rispetto al sondaggio dell’anno scorso. Mentre in Giappone, Messico e Corea del Sud è in crescita.

Aspettative sull’economia nel 2022

Le aspettative sull’economia rivelano una certa preoccupazione in tutto il mondo, anche se non si registra una crescita rispetto all’anno scorso. Oggi il 26% delle persone si aspetta un periodo di prosperità economica per il proprio Paese nel 2022. Il 41% è invece preparato alle difficoltà economiche e il 26% crede che il 2022 sarà uguale al 2021 in termini di congiuntura economica.

L’Europa nel complesso si dice pessimista, soprattutto ad Est, confermando anche quest’anno un quadro già emerso gli anni scorsi con le precedenti rilevazioni di Gallup. Le macroregioni in via di sviluppo, invece, si dimostrano più ottimiste. L’ottimismo a livello nazionale, infine, non è solo una questione di benessere economico, ma anche di età della popolazione e di percezione delle possibilità di crescita future.

Leggi anche: Molestie, discriminazioni e bullismo: a lavoro serve l’esperto del DEI.

La felicità nel mondo

Nonostante la pandemia e le difficoltà economiche, anche quest’anno la felicità personale prevale. In termini di felicità personale, le persone in tutto il mondo si dicono piuttosto soddisfatte. Il 56% della popolazione mondiale si considera ora “piuttosto felice o molto felice”. Oltre un decimo afferma di essere più o meno infelice, mentre quasi un terzo dice di non essere “né felice, né infelice”.

Secondo l’Happiness Index di Gallup la top 5 dei Paesi con i cittadini più felici è la seguente: Colombia (+79), Kazakistan (+76), Albania (+74), Malesia (+73) e Azerbaijan (+70). Al contrario, la top 5 dei paesi con i cittadini più infelici comprende: Ghana (+2), Afghanistan (+9), Hong Kong (+11), Iraq (+17) e Russia (+18). Come accaduto spesso in passato, America Latina, Africa e Asia orientale sono tra le macroregioni più felici del mondo. L’Europa, il Medio Oriente e la Russia, al contrario, sono più infelici. Gli Stati Uniti, infine, totalizzano un punteggio in media con il dato mondiale.

Pandemia e crisi economica: i commenti degli esperti

Kancho Stoychev, presidente del network Gallup International, commenta i risultati del sondaggio di Fine Anno: “Il sostegno finanziario per la pandemia da parte dei Governi ai propri cittadini e alle aziende ha giocato un ruolo positivo. E, in un certo senso, ha limitato la diffusione del pessimismo di massa nel mondo, senza però fermarla. Quando la pandemia e la crisi sono iniziate a marzo 2020, la maggioranza della popolazione mondiale era convinta che sarebbe finita entro l’autunno. Il 2021, invece, è stato caratterizzato dalla fiducia nel fatto che i vaccini sarebbero stati la soluzione del problema.

In vista del 2022, la percezione è che si sia piuttosto in una situazione in cui non si riesce ancora ad ipotizzare una fine chiara dell’emergenza globale. La massiccia immissione di denaro nei mercati rendeva prevedibile la crescita dell’inflazione che, sebbene abbia superato la soglia limite del 5% nelle ultime settimane, in molti Paesi genererà ancora forti timori sullo stato dell’economia.

Inoltre, la preoccupazione circa l’economia riguarda non tanto il fatto che l’inflazione toccherà picchi a due cifre, ma piuttosto che durerà significativamente più a lungo dei soliti pochi mesi. Insieme alla crisi della logistica a livello globale e alla crescita dei prezzi dell’energia, la popolazione mondiale si trova ora ad affrontare sfide senza precedenti che alimenteranno tensioni politiche, non solo nei Paesi meno sviluppati”.

Aggiunge Vilma Scarpino, CEO BVA Doxa “Nonostante il protrarsi della pandemia gli italiani non si sono scoraggiati e vediamo segnali positivi in alcune aree geografiche così come tra i giovani, auspicando che per il prossimo anno queste tendenze segnino un chiaro cambio di passo”.

Tags