Chiara Mio: la prima donna presidente di banca in Italia

Chiara Mio: la prima donna presidente di banca in Italia

PORDENONE – Ha 50 anni e un curriculum di tutto rispetto. Si chiama Chiara Mio ed è la prima donna presidente di banca in Italia, designata ieri dal Cda di FriulAdria come nuovo presidente della banca popolare pordenonese. A riportarlo è Il Gazzettino”.

Chiara Mio, docente universitaria a Ca’ Foscari, continuerà a mantenere l’incarico universitario -anche se part time-, assumendo anche quello di presidente della banca Gruppo Cariparma Crèdit Agricole. Se si esclude la nomina, sempre in Friuli Venezia Giulia, di Cristiana Compagno come presidente del Mediocredit (banca “controllata” dalla Regione, quindi non ordinaria ma istituzionale) Chiara Mio è la prima donna presidente di una banca in Italia.

D’altro canto Chiara Mio possiede un curriculum di tutto rispetto. Nata nel 1964 a Pordenone, sposata, dopo la laurea in Economia Aziendale all’Università Ca’ Foscari di Venezia, Chiara Mio ha intrapreso la carriera accademica nello stesso Ateneo prima come ricercatore, poi come professore associato e, infine, come professore ordinario del Dipartimento di Management. Dal 2006 al 2001 ha ricoperto anche il ruolo di assessore esterno nelle giunte comunali a Pordenone.

Giampiero Maioli, amministratore delegato del Gruppo Cariparma Crédit Agricole e responsabile per l’Italia di Crédit Agricole accanto al dg Carlo Crosara, ha dichiarato:

«La nomina di Chiara Mio, condivisa con tutti gli azionisti risponde all’esigenza di dare continuità a quella bella storia del Nord Est qual è FriulAdria. Si pone dunque in linea di continuità con la tradizione rappresentata da presidenti molto amati e fortemente vicini al Friuli e a Pordenone come il compianto Angelo Sette e Antonio Scardaccio»

Una scelta che rispetta l’idea di una governance federale e rispettosa dei territorio. Maioli ha aggiunto:

«Per noi il Nordest è un territorio chiave: stiamo continuando a crescere e siamo l’unica banca che, anche in crisi, ha continuato a distribuire dividendi»

Dal canto suo, la neopresidente Chiara Mio è entusiasta della nomina:

«Una sfida che raccolgo con entusiasmo e senso di responsabilità per il fatto di rappresentare sul territorio un player bancario internazionale con le caratteristiche distintive del Gruppo Cariparma Credit Agricole. Coniugherò i temi della mia attività di ricerca sulla responsabilità sociale con l’incarico di presidente di un gruppo da sempre attento ai territori in cui opera»

Potrebbero interessarti anche...