Categorie
attualità

Cécile Kyenge Kashetu e Josefa Idem, chi sono le due Ministre “atipiche”

ROMA – Travagliato, discusso, additato, insultato ma anche carico di speranza. Dopo più di due mesi il nuovo Governo è nato tra i malumori di chi dissente, eventi drammatici come la sparatoria di ieri a Palazzo Chigi, ma anche la speranza di molti italiani che sperano che qualcosa cambi.

Certo, per la formazione del nuovo Governo, guidato da Enrico Letta, il dialogo non è stato facile viste anche le forze politiche che, per forza di cose, hanno dovuto dialogare: Pd e Pdl. Ricordando che l’altro ampio movimento politico, il M5S, non ha voluto partecipare al Governo rifiutandosi di dialogare.

Accade così che non tutti i Ministri eletti abbiano riscosso il consenso degli italiani ma, tra questi, emergono due nomi di donne importanti che si sono guadagnate due ministeri: Cécile Kyenge Kashetu e Josefa Idem. La prima è Ministro dell’Integrazione, la seconda Ministro dello Sport e delle Pari Opportunità.

Cécile Kyenge Kashetu è uno dei nomi meno noti dell’esecutivo varato sabato 27 aprile, ma è probabilmente uno dei più emblematici. Nata nel 1964 a Kambove, nella Repubblica Democratica del Congo, ma cittadina italiana, è laureata in medicina e chirurgia, specializzata in oculistica. Sposata, con due figlie, oltre che politica del Partito democratico esercita la professione di oculista.

Il suo ingresso nella politica italiana risale al 2004, quando la neo-ministra è stata eletta in una circoscrizione del Comune di Modena per i Democratici di Sinistra.

È stata poi responsabile provinciale del Forum della Cooperazione Internazionale ed immigrazione. Nel 2009 è stata eletta consigliere provinciale a Modena per il Partito Democratico e ha fatto parte della commissione Welfare e politiche sociali. Per l’Emilia Romagna è anche responsabile delle politiche dell’immigrazione del Pd.

Eletta deputata alle ultime elezioni politiche del 25 febbraio 2013, in Emilia Romagna, è l’unica deputata di colore della XVII Legislatura della Camera.

Anche per Josefa Idem questa elezione è emblematica, in quanto con lei il nuovo esecutivo raggiunge un altro primato: per la prima volta un campione olimpico diventa ministro.

Nel mondo altri campioni a cinque cerchi erano già arrivati tanto in alto: il mito del calcio, Pelé, in Brasile, l’astista Bubka in Ucraina, l’ostacolista francese Guy Drut ed è fresca di nomina la fiorettista venezuelana Alejandra Benitez, entrata nel governo di Maduro succeduto a Chavez.

Nata a Goch nel 1964, tedesca di nascita maitaliana per amore, la Idem nel ’90 ha sposato il suo allenatore Guglielmo Guerrini, diventando cittadina italiana due anni più tardi.

Mamma di Janek e Jonas, ha chiuso con l’attività agonistica ai Giochi di Londra, la sua ottava meraviglia, in cui per un soffio ha mancato l’ennesimo podio di una carriera che definire inimitabile è riduttivo.

Da sempre impegnata anche nel sociale, tra il 2001 e il 2007 è stata assessore allo Sport del Comune di Ravenna: poi dopo il ritiro, tra le lacrime, comincia l’altra sfida della sua vita, vince le primarie in Emilia Romagna e viene eletta in Senato nelle liste del Partito Democratico.

Emblematico il titolo della sua autobiografia ‘Controcorrente’, per gli anni passati a sfidare canali e bacini di tutto il mondo, ma anche per la sua vena critica. ”Mi tremavano le mani, sento la responsabilità e mi rimboccherò le maniche al servizio del Paese” ha detto la campionessa appena nominata.

Una pasionaria nella vita e nello sport, con quell’amore per la canoa che è andata crescendo con gli anni, al punto di non sentire l’età come un peso. Tanto da arrivare a 47 anni a disputare un’Olimpiade con avversarie nate dopo che lei gareggiava la sua prima (a Los Angeles nell’84).

E a Londra, prima di dire addio alla canoa, era arrivata con cinque medaglie olimpiche e la consapevolezza di essere comunque nella storia: con quell’orgoglio di aver attraversato i Giochi più belli insieme alle epoche, di quadriennio in quadriennio, mentre il pianeta cambiava i suoi confini. Poi la medaglia ai Giochi australiani, dopo sei ore di attesa nel bacino per il troppo vento.

Complessivamente tra olimpiadi e mondiali ha vinto 6 ori, 11 argenti e 9 bronzi, per otto volte campionessa europea, ha vinto pure due coppe del mondo. Mai lo sguardo indietro, pure a quella giovinezza che ”è una cosa che non torna” diceva prima di Londra ”ma non lo cambierei con l’esperienza e la tranquillità di oggi”.

Dopo una vita di sfide adesso arriva quella per cui servirà ancora allenarsi per vincere: ”Rimango convinta che lo sport resti un importante strumento per costruire una società migliore” ha sempre detto. Un altro primato da inseguire per l’infinita Idem.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.