Categorie
attualità

Treviso, capotreno sotto inchiesta: “Se mi baci niente multa”

TREVISO – Studentessa costretta a dare un bacio ad un giovane capotreno come contropartita per ovviare ad una irregolarità sul titolo di viaggio.

Un giovane capotreno trevigiano risulta indagato per il reato di concussione, accusato di aver preteso un bacio da una studentessa a bordo di una carrozza, in cambio di “rimediare” ad una irregolarità su un titolo di viaggio.

L’episodio, che risale a due anni fa,è  stato denunciato dalla stessa passeggera e non ha avuto testimoni. Il controllore ha sempre respinto ogni accusa, rifiutando gli sconti di pena in caso di patteggiamento e conservando l’intenzione di veder riconosciuta la propria estraneità ai fatti in sede di dibattimento.

1 risposta su “Treviso, capotreno sotto inchiesta: “Se mi baci niente multa””

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.