Categorie
Salute

Un collirio per curare la cheratite neurotrofica: idea Montalcini

LONDRA – Un collirio per curare la cheratite neurotrofica: è quello messo a punto dai ricercatori di Anabasis, gruppo Dompé, grazie al Nerve Growth Factor identificato dal premio Nobel Rita Levi Montalcini. La cheratite neurotrofica è una malattia rara ma che mette a rischio la vista. Entro due anni, però, spiega Giuseppe Del Bello su Repubblica, chi ne soffre potrebbe guarire grazie ad un collirio a base di NGF.

Spiega Del Bello:

“All’EuCornea congress, che si è appena concluso a Londra, sono stati presentati i risultati della fase I dello studio “Reparo” in corso. La ricerca ha esaminato 18 soggetti (in 9 Paesi) distribuiti in due gruppi e affetti da cheratite neurotrofica monolaterale, con lesioni epiteliali e con ulcera corneale. Per ora, sono state valutate, con esito positivo, sicurezza e tollerabilità, mentre la fase II servirà a confermare la guarigione completa della lesione corneale. Si parla di conferma, perché già i primi riscontri hanno dimostrato l’effetto curativo”.

La cheratite neurotrofica comporta un danno progressivo della cornea che può sfociare anche nella perforazione e nella perdita della vista. A causarla può essere una infezione erpetica (Zoster o Simplex), il diabete e l’abuso di farmaci locali. Con questo collirio, già ora è possibile intervenire sulla denervazione della cornea, trattando un danno dei nervi. Presto, probabilmente, si potrà guarire completamente la lesione corneale, stimolando la reinnervazione. 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.