Categorie
Salute

Pressione alta: kudzu, la pianta per ridurla in modo naturale

ROMA – Tenere sotto controllo la pressione alta è molto importante in quanto si tratta di un fattore di rischio da non sottovalutare che può portare a complicazioni anche gravi come aterosclerosi, infarto o ictus. La pressione alta -o, per usare il termine tecnico, ipertensione- può essere tenuta a bada e ridotta cambiando stile di vita e, se necessario, seguendo una cura farmacologica prescritta dal proprio medico. L’alimentazione è un fattore importantissimo per la nostra salute: per abbassare la pressione alta gli esperti sono concordi nel consigliare di prediligere una dieta a basso contenuto di sale, privilegiando cibi freschi, cotture e condimenti leggeri.

Anche alcuni rimedi naturali e piante hanno dimostrato di essere efficaci contro la pressione alta. Una di queste è il Kudzu, una pianta appartenente alla famiglia delle Fabacee (Leguminose). Uno studio del 2012 ha dimostrato gli effetti positivi del Kudzu nell’abbassare la pressione sanguigna.

Non solo: secondo i risultati di uno studio di un team di ricercatori dell’Alabama, che ha preso sotto esame il Kudzu e ha pubblicato i risultati sul Journal of Agricultural and Food Chemistry, il Kudzu riduce i livelli di colesterolo nel sangue, abbassa la pressione arteriosa e contiene i livelli di glicemia e insulina. In più, l’estratto di Kudzu pare essere miracoloso nella cura della sindrome metabolica, e quindi indicato per chi ha problemi d’obesità.

Ricca di isoflavoni, sostanze che favoriscono la secrezione di serotonina, questa pianta è famosa anche per la sua capacità di proteggere la mucosa gastrica dall’azione delle sostanze acide.

Come sfruttare al meglio le proprietà del Kudzu? Sembra che il modo più efficace sia quello di scegliere integratori preparati con estratto secco titolato, che risultano più efficaci rispetto ai prodotti a base di Kudzu in polvere. Trattandosi comunque di un rimedio naturale, è sempre consigliabile parlare con il proprio medico di base prima di decidere di assumere il Kudzu.