Categorie
Salute

Più pesce in età adulta: protegge da artrite, fratture e demenza

ROMA- Mangiare pesce riduce il rischio di demenza senile, di fratture e di artrite. Un’assicurazione per la vecchiaia, si potrebbe dire: questo alimento, infatti, riduce del 40% le possibilità di andare incontro a patologie di tipo fisico e mentale in età adulta.

Il merito? Da un lato delle proteine animali, che rinforzano la muscolatura e proteggono dalle fratture, dall’altro degli acidi grassi omega 3, che sono un toccasana contro la demenza e rendono meno difficoltosa la gestione di un disturbo tipico dell’età avanzata, l’artrite.

A dirlo è uno studio giapponese del National Institute of Health and Nutrition pubblicata sulla rivista Journal of the American Geriatrics Society.

I ricercatori hanno somministrato a 1.000 persone dei questionari relativi alla loro salute fisica e mentale: in particolare le domande erano tese a sapere quanto gli intervistati trovassero agevoli alcune attività giornaliere come prendere i mezzi pubblici o cucinare e cosa mangiassero normalmente. Ne è risultato che chi mangiava più pesce rispetto al passato, inserendolo con maggiore frequenza nella dieta, era per circa il 40% in meno soggetto allo sviluppo di malattie: con l’età, infatti, le proteine animali contenute nel pesce e altri nutrienti come gli omega 3 diventano più difficili da assorbire, per questo occorre aumentare la quantità consumata per avere effetti positivi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.