Categorie
Salute

Memoria migliora a tavola: meno carni rosse e uova

BOSTON – La memoria si migliora a tavola. Via troppe uova, carni rosse e pesci sotto sale: contengono una sostanza (la metionina) che fa andare in tilt i ricordi. A dirlo è uno studio dell’Università di Louisville, negli Stati Uniti.

I ricercatori americani hanno osservato che le cavie sottoposte ad una dieta ricca di metionina avevano delle defaillance mnemoniche. Gli scienziati hanno anche capito quale è il meccanismo anti-memoria indotto dalla metionina: questa molecola, che è un amminoacido, disattiva un gene fondamentale per memoria e apprendimento, il gene per la molecola netrina che favorisce la formazione di connessioni tra neuroni (sinapsi).

Non è la prima volta che si guarda con sospetto al consumo eccessivo di metionina, infatti, insieme ad una carenza di vitamina B12, B6 e acido folico, l’eccesso di metionina provoca la produzione di omocisteina, una sostanza collegata a svariate malattie cardiache e vascolari.

Gli esperti hanno alimentato cavie con una dieta ricca di metionina e povera di B12, B6 e acido folico e visto, settimana dopo settimana, la comparsa di defaillance della memoria degli animali. Poi hanno osservato che a ciò corrisponde la disattivazione della proteina neurale netrina, fondamentale per la salute del cervello, e implicata nella formazione delle sinapsi. Iniettando netrina nei topi, infatti, il deficit di memoria indotto dalla dieta rientra in buona parte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.