Categorie
Salute

Giovani in tempo di crisi: più poveri e meno sani

ROMA – Italiani in periodo di crisi: non solo più poveri, ma anche meno sani. Sono 12 milioni i connazionali, soprattutto over 55 anni ma non solo, che convivono con due o più malattie croniche. E adesso è in crescita la percentuale di giovani con malattie croniche: un aumento del 10% in cinque anni, causato in particolare della impossibilità di seguire  stili di vita salutari, rendendo più fragile il sistema immunitario.

Ad oggi i giovani che devono sacrificare l’abbonamento alla palestra o certi cibi sani perché mancano i soldi sono due milioni, secondo i dati della Società Italiana di Medicina Interna (SIMI).

Si risparmia anche sui check-up regolari, sulle visite mediche e sulla prevenzione. Il risultato è una probabilità due volte e mezzo più alta di sviluppare malattie croniche come diabete  ipertensione, bronchiti che vanno ad aggiungersi a quelle autoimmuni come le sindromi metaboliche, le patologie reumatologiche, epatologiche e intestinali sempre più diffuse.

I pazienti con più di una una malattia vanno affrontati in modo globale per non rischiare l’eccesso di terapie: oggi 5 milioni di under 55 prendono in media 4-5 farmaci al giorno e il 20%  è esposto al rischio di trattamenti inappropriati per la mancanza di una “guida” che individui la patologia principale e adotti un piano terapeutico efficace e adeguato. È questo il compito degli internisti, i medici “della complessità” che dovrebbero visitare i pazienti con due o più patologie almeno una volta all’anno.  I “Doctor House” italiani  sono oltre 11mila  e gestiscono 39mila posti letto, per un totale di oltre 1,2 milioni di ricoveri l’anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.