Dimagrire con lo sport: l’ora migliore per bruciare i grassi

Quando fare sport per dimagrire: l'orario più efficace

ROMA – Per dimagrire in modo sano è molto importante adottare uno stile di vita attivo e seguire una dieta equilibrata. Dopotutto, per perdere peso l’esercizio fisico è fondamentale ma ora due team di ricercatori hanno scoperto che l’ora in cui fare sport è molto importante e può influire sulla produttività dell’attività fisica e, ovviamente, sul dimagrimento. Gli scienziati sanno già che il ritmo circadiano interagisce con il nostro metabolismo. Il ritmo circadiano di un individuo scandisce cambiamenti fisici, mentali e comportamentali che seguono un ciclo di 24 ore. Questi modelli comportamentali si sviluppano in risposta alla luce e al buio e si riferiscono all’orologio circadiano, che segue il tempo solare.

Due team di ricercatori hanno deciso di esplorare come l’ora del giorno può influenzare la risposta del corpo all’esercizio per aiutarci a dimagrire. Gad Asher, che lavora nel Dipartimento di Scienze Biomolecolari del Weizmann Institute of Science di Rehovot, Israele, è autore principale del primo studio, mentre Paolo Sassone-Corsi del Centro di Epigenetica e Metabolismo dell’Università della California (UC), Irvine, è l’autore del secondo studio.

“È abbastanza risaputo che quasi ogni aspetto della nostra fisiologia e del metabolismo è dettato dall’orologio circadiano”, osserva Asher. “Precedenti studi hanno suggerito che almeno il 50% del nostro metabolismo è circadiano, e il 50% dei metaboliti nel nostro corpo oscilla in base al ciclo circadiano. Ha senso che l’esercizio sia una delle cose su cui vi è un impatto” ha spiegato Sassone-Corsi.

I due studi confermano che il ritmo circadiano gioca un ruolo essenziale nel modo in cui il corpo risponde al movimento fisico e all’obiettivo di dimagrire. Sebbene ogni team abbia studiato un diverso componente dell’esercizio, i due studi si completano a vicenda. Entrambe le squadre di ricercatori hanno esplorato il legame tra l’ora del giorno e l’esercizio fisico nei topi, animali tipicamente notturni e, per questo, per rendere i risultati vicini alle abitudini degli umani, i ricercatori si sono concentrati sulle fasi attive e di riposo dei topi piuttosto che sull’orario. Nel primo studio, Asher e il team hanno confrontato le prestazioni di esercizio dei topi in diversi momenti della giornata mettendoli su tapis roulant durante la loro fase attiva. I topi hanno ottenuto risultati migliori nelle fasi successive di questa fase, il che significa che la serata è apparsa come il momento migliore per allenarsi. Nella seata, infatti, i livelli di un composto chiamato 5-aminoimidazolo-4-carbossamide ribonucleotide (ZMP) nei topi erano più alti. La ZMP è necessaria per il metabolismo perché attiva le vie metaboliche che portano alla rottura del glucosio e degli acidi grassi. Questa ripartizione dipende dall’attivazione di AMPK, un regolatore metabolico cellulare. I risultati dello studio suggeriscono che la ZMP può svolgere un ruolo nell’aumentare la capacità di esercizio alla sera. “È interessante notare che ZMP è un analogo endogeno dell’AICAR (aminoimidazolo carbossamide riboside), un composto che alcuni atleti usano per il doping”, afferma Asher.

I ricercatori hanno sviluppato le loro scoperte analizzando le prestazioni dell’esercizio in 12 esseri umani. Usando il consumo di ossigeno come misura dell’efficienza dell’esercizio, hanno concluso che i partecipanti avevano prestazioni di esercizio migliori la sera rispetto che alla mattina.

Il secondo team di ricercatori ha valutato le prestazioni dei topi sui tapis roulant, ma si sono concentrati sui cambiamenti che l’esercizio fisico ha prodotto nel tessuto muscolare dei topi. I loro risultati compaiono anche nel metabolismo cellulare. I risultati hanno mostrato che l’esercizio attiva una proteina chiamata fattore 1-alfa inducibile da ipossia (HIF-1α) in modi diversi in diversi momenti della giornata. HIF-1α risponde ai cambiamenti dei livelli di ossigeno nel tessuto corporeo stimolando determinati geni.

“Ha senso che l’HIF-1a sia importante, ma fino ad ora non sapevamo che i suoi livelli fluttuassero in base all’ora del giorno”, ha spiegato Sassone-Corsi. Sulla base delle loro scoperte, i ricercatori hanno concluso che l’esercizio ha un effetto più benefico sul metabolismo più all’inizio della fase attiva dei topi che alla fine. Traducendolo ai ritmi umani, l’effetto è stato più positivo in tarda mattinata.

Tuttavia, è importante tenere presente che entrambi gli studi hanno utilizzato topi e che la traduzione dei risultati nell’uomo può essere complicata perché i modelli comportamentali variano notevolmente da persona a persona. “Potresti essere una persona mattiniera, o potresti essere una persona notturna, e queste cose devono essere prese in considerazione quando si vuole dimagrire”, conclude Sassone-Corsi.

Potrebbero interessarti anche...