Categorie
Salute

Diabete, umore: cosa può succedere

Il diabete è una malattia che causa un aumento nel sangue dei livelli di glucosio per un deficit della quantità e spesso nell’efficacia biologica dell’insulina, ormone che controlla la glicemia nel sangue e che viene prodotto dal pancreas. Tra i vari sintomi della malattia (che può anche essere anche asintomatica) ci sono sete intensa (polidipsia), necessità di urinare spesso con urine abbondanti (poliuria), stanchezza (astenia). Tra i fattori di rischio del diabete di tipo 2: parenti di primo grado con diabete tipo 2, eccesso di peso corporeo, sedentarietà, iperalimentazione, ipertensione, età avanzata.

Come mette in guardia il sito Express, il diabete può anche portare a improvvisi cambiamenti dell’umore, che possono mettere a dura prova le relazioni e la vita personale. Gli effetti fisici della patologia possono anche indurre una persona a provare nervosismo, ansia e confusione. Gli sbalzi d’umore sono dovuti al fatto che i livelli di glucosio nel sangue diventano troppo alti o bassi. Ecco perché controllarlo e curarlo è importante per il benessere emotivo.

Anche lo stress da lavoro e in particolare i lavori mentalmente estenuanti, come ad esempio quello dell’insegnante, potrebbero aumentare il rischio di ammalarsi di diabete. Lo ha rivelato uno studio francese condotto su oltre 70 mila donne.  I risultati di questa ricerca evidenziano un rischio più elevato (+21%) di sviluppare diabete in donne definite “lavoratrici con impegno mentale molto elevato”, rispetto a donne “lavoratrici con impegno mentale basso o minimo”.

In generale, una dieta ipocalorica in persone con eccesso di peso e glicemia non ottimale ha dimostrato di essere in grado di prevenire il diabete. Con un dimagrimento in media di 10 chili, la malattia regredisce in via definitiva in quasi un caso su due e questo si deve alle cellule del pancreas che producono insulina, le beta cellule, che ricominciano a funzionare grazie alla perdita di peso.