Categorie
Salute

Diabete, sapete quali sono gli effetti collaterali meno noti?

Il diabete è una patologia molto diffusa nel nostro paese. Molti studi hanno dimostrato che prevenzione e diagnosi precoce sono fondamentali nel trattamento del diabete. Tuttavia, un ritardo nella diagnosi implica che il 50% dei pazienti potrebbe già avere soffrire di qualche complicazione cronica da esso derivata. L’aumento cronico del glucosio (dovuto a una diagnosi tardiva o a un controllo inadeguato negli anni) produce complicazioni croniche che colpiscono soprattutto i vasi sanguigni. Sia quelli grandi (cuore, cervello e arti inferiori), sia quelli piccoli (principalmente, reni, retina e quelli che mantengono l’ossigenazione dei nervi periferici).

Leggi anche: E’ vero che si sconfigge il diabete con un piccolo intervento? Cosa dice il diabetologo

Ma perché si verificano queste complicazioni?

Come spiegano gli esperti, il meccanismo con cui avvengono tutte queste alterazioni è sempre lo stesso: il glucosio costantemente alto è dannoso per la parete dei vasi, in quanto innesca una reazione infiammatoria difensiva da parte del corpo. Questo porta ad una perdita di elasticità delle arterie e al loro progressivo restringimento, e ad una conseguente diminuzione del flusso sanguigno che può favorire la formazione di coaguli (trombi) che finiscono per ostruire i vasi.

SI tratta di informazioni che ci inducono a prestare particolare attenzione agli effetti collaterali meno noti (ma non per questo meno importanti) del diabete. 

Diabete, complicazioni macrovascolari

  • Cuore. Una minore circolazione nelle arterie coronarie può portare ad attacchi di cuore, aritmie e insufficienza cardiaca. Inoltre, poiché possono essere colpiti i nervi di queste arterie, il dolore caratteristico dell’angina può essere ridotto o assente, passando inosservato fino a quando la situazione diventa drammatica. Pertanto, le persone con diabete hanno da 2 a 6 volte il rischio di morte per eventi cardiovascolari e 2,5 volte più probabilità di sviluppare insufficienza cardiaca.
  • Cervello. Il diabete aumenta il rischio di ictus di 4 volte. Questo perché il progressivo restringimento dei vasi cerebrali riduce il flusso di sangue dei neuroni, che può causare ictus e deterioramento cognitivo (demenza vascolare).
  • Circolazione periferica degli arti inferiori. Il diabete è una delle prime cause di amputazione non da trauma dovuta alla progressiva riduzione della circolazione nelle arterie distali delle gambe. A livello precoce, questo provoca un ritardo nella guarigione della ferita e, nei casi avanzati, difficile guarigione delle ulcere che possono portare all’amputazione.

Complicazioni microvascolari

  • A livello dei reni. La riduzione del flusso per i reni porta ad una progressiva riduzione della loro funzione. Pertanto, il 50% dei diabetici ha un’insufficienza renale cronica, che può portare alla necessità di dialisi e persino a un trapianto di rene.
  • A livello della retina. Fino a un terzo delle persone con diabete soffre di retinopatia, la principale causa di cecità acquisita.
  • A livello dei vasi che nutrono i nervi periferici. La mancanza di nutrienti e ossigeno a questi nervi (principalmente nelle gambe) influisce sulla sensibilità, riducendola. E aumentando così il rischio di lesioni che possono portare a ulcere e amputazioni.

Leggi anche:  Diabete, esiste un vaccino? I rimedi casalinghi sono efficaci? Sfatiamo alcune bufale

Prevenzione, il miglior trattamento contro il diabete

Gli esperti assicurano che il modo migliore per prevenire il verificarsi di queste complicazioni è la prevenzione, una diagnosi precoce del diabete e un trattamento appropriato per evitare livelli elevati di glucosio (con insulina se necessario).