Categorie
Salute

Diabete, si potrà guarire con un intervento mininvasivo

Il diabete potrebbe guarire in via definitiva ‘con il bisturi’, ovvero con un intervento mininvasivo in endoscopia, che rimodella una parte dell’intestino (il duodeno) usando il calore. Una sorta di ‘lifting’ della parete intestinale, che ringiovanisce il tessuto producendo tutta una serie di cambiamenti metabolici ed ormonali.

È la promessa che arriva da una sperimentazione clinica pilota condotta in Olanda, i cui risultati saranno presentati alla settimana della United European Gastroenterology, quest’anno in modalità virtuale.

Come funziona

 Denominata “Ringiovanimento della Mucosa Duodenale”, la procedura consiste nell’inviare una dose controllata di energia termica sulla mucosa del duodeno. In questo modo si potrà ‘rigenerare’ nuova mucosa e modificare, così, il rilascio di ormoni chiave coinvolti nel diabete. La tecnica prende le mosse da diversi studi in cui si è dimostrato che modificando le pareti intestinali (ad esempio con la chirurgia bariatrica) si può ristabilire un corretto bilancio ormonale e far regredire definitivamente il diabete.

Una simile strategia terapeutica potrebbe quindi permettere la regressione definitiva del diabete e potrebbe divenire risolutiva. Specie per quei pazienti che non riescono a controllare bene la malattia o quelli su cui i farmaci oggi disponibili hanno scarso effetto.

Lo studio

 Il trial olandese ha coinvolto 16 pazienti ed è stato diretto da Suzanne Meiring, Annieke van Baar e Jacques Bergman dell’Università di Amsterdam. Dopo l’intervento, tre pazienti su 4 hanno potuto sospendere del tutto la terapia insulinica riuscendo bene a controllare la glicemia. Il restante 25% dei pazienti ha potuto comunque ridurre la dose di insulina necessaria a tenere sotto controllo la glicemia.

CORRELATO: Diabete, 5 strategie per evitare i picchi di glicemia.

Infatti, si è visto che dopo l’intervento la glicemia era sotto controllo senza assunzione di insulina, con una emoglobina-glicata (esame di routine per misurare il controllo glicemico a lungo termine) inferiore a 7,5 dopo sei mesi. E pari a 6,7 a 12 mesi dall’intervento, indice di malattia sotto controllo anche senza terapia.

I pazienti ‘guariti’ hanno perso anche peso. A 12 mesi dall’endoscopia sono passati da un indice di massa corporea di 29,8 kg/m2 a uno di 25,5. La percentuale di grasso nel fegato si è ridotta dall’8,1% a 4,6% a sei mesi dall’intervento.

Il prossimo passo verso la cura del diabete

Lo studio clinico, chiamato Revita e che in passato ha coinvolto anche alcuni centri in Italia, proseguirà ora in una sperimentazione più ampia e di portata internazionale. Massimo Federici Ordinario di Medicina Interna, Università di Roma Tor Vergata e Componente del Consiglio Direttivo della Società Italiana di Diabetologia (SID) spiega:

“Lo studio pilota di “rifacimento” della mucosa duodenale utilizza una tecnologia in campo da pochi anni e testata finora su pochi casi. In questo caso, sebbene il numero dei pazienti trattati sia poco numeroso, emergono dei risultati interessanti in termini di miglioramento del controllo glicemico, perdita di peso e riduzione dell’accumulo di grassi a livello epatico, effetti che persistono ad un anno dal trattamento. È necessario un campione più numeroso di pazienti per capire quanto il risultato sia riproducibile, ma questi i sono molto incoraggianti.

Tuttavia, per un’applicazione su scala più ampia è necessario valutare i costi dell’intervento. Inoltre, la possibilità che non tutti i pazienti possano essere sottoposti alla procedura che, per quanto endoscopica, può avere degli effetti collaterali. Questo metodo di “rimodellamento” della mucosa duodenale è comunque molto interessante, perché conferma il ruolo di questo tratto intestinale sul controllo metabolico. Sarà importante eseguire nuove ricerche per aumentare il livello di comprensione sulle sue azioni”.