Curcuma e cancro: effetti curativi non dimostrati ma…

curcuma-cancro-tumore

Curcuma e cancro: due nomi che ultimamente compaiono spesso associati quando si parla di malattie oncologiche. Ma quanto c’è di scientifico sui presunti effetti curativi di questa spezia?Nonostante il boom di integratori e prodotti nutraceutici a base della “spezia miracolosa”, non ci sono prove che la curcuma abbia questi effetti sulla nostra salute. Lo spiega un articolo su Dottore ma è vero che…?, il sito anti-bufala a cura della Fnomceo (Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri), citato da Il Fatto Alimentare.

Come si legge sul sito della Fondazione Veronesi, “Ricerche cliniche eseguite negli ultimi anni, confermano le notevoli proprietà anticancerogeneantinfiammatorie antiossidanti della curcumina. Inoltre recentemente è stato dimostrato anche un potenziale effetto neuroprotettivo della curcumina stessa”. Inoltre, “sembra influire sulla modulazione dello stato infiammatorio che è alla base di obesità, diabete, disturbi cardiovascolari e tumori. Questo non equivale a dire che è possibile curarsi da un cancro attraverso l’uso alimentare della curcuma.  Studi effettuati sugli animali hanno riscontrato effetti positivi della spezia contro alcuni tipi di cancro (colon, stomaco e pelle). Inoltre, nei test in provetta è stato osservato un rallentamento della crescita delle cellule tumorali. Risultati incoraggianti si sono visti anche in studi su dei pazienti colpiti da cancro al pancreas.

Non ci sono però ancora abbastanza prove per affermare con certezza che la curcuma abbia qualche effetto (se sì quale) nel trattamento e nella prevenzione delle malattie oncologiche e, prima di poter parlare di usi terapeutici di questa spezia o delle sue componenti, saranno necessari studi clinici approfonditi ed estesi sull’uomo. Lo specifica Il Fatto Alimentare. Allo stesso tempo il consumo di questa spezia sembra avere effetti positivi e l’uso in cucina è raccomandato.

“Ci sono dubbi, invece, sulla sua sicurezza nella pratica medica (sempre per mancanza di studi) – spiega il F.A. – anche se per ora non sono stati riportati effetti negativi. Vale la pena ricordare però che i risultati di alcune ricerche hanno suggerito la possibilità che la curcuma sia in grado di interferire con alcune terapie chemioterapiche”. Prima di comprare e assumere un integratore alla curcuma, meglio consultarsi con il proprio medico.

Potrebbero interessarti anche...