Coppia, anche la depressione può essere “trasmessa” al partner

Coppia, anche la depressione può essere "trasmessa" al partner

ROMA – Anche la depressione può essere “trasmessa” al partner. Quando si è in coppia capita di influenzarsi a vicenda, non solo nelle azioni concrete ma anche nelle emozioni e nelle attività intellettuali. Può capitare che se un partner è depresso anche nell’altro possano aumentare i sintomi depressivi e il declino cognitivo in età avanzata. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] Questo il risultato di una ricerca della Yale School of Public Health, pubblicata sull’American Journal of Geriatric Psychiatry.

Utilizzando i dati del Cardiovascular Health Study, che comprendeva 1.028 coppie sposate dai 60 anni in su, il team di ricercatori ha esaminato i cambiamenti nel tempo e le correlazioni per quanto riguarda i sintomi depressivi tra i partner e i punteggi di 3MS, una misura clinica comune del funzionamento cognitivo, in tre visite condotte nel corso di 7 anni.

La forza delle correlazione tra sintomi depressivi dei coniugi e il declino cognitivo era relativamente piccola in questo studio, ma secondo i ricercatori è importante documentare le influenze anche minime dei partner sul lungo periodo, perché è possibile che diventino qualcosa di più grande sommandosi.

 “Questi risultati – evidenzia Joan Monin, autrice principale dello studio – suggeriscono che non solo è importante monitorare, prevenire e trattare i problemi di salute mentale e cognitiva negli individui, ma anche nei loro partner in un eventuale rapporto di coppia”. (ANSA).

Potrebbero interessarti anche...