Salute

Le noci pecan sono alleate contro il colesterolo alto

Le noci pecan sono alleate contro il colesterolo alto

I ricercatori dell’Università della Georgia hanno dimostrato che le noci pecan possono migliorare notevolmente i livelli di colesterolo nel sangue.

A queste conclusioni è arrivata la ricerca degli studiosi dell’UGA College of Family e Scienze del Consumo, pubblicato su The Journal of Nutrition.

Le noci pecan sono ricche di acidi grassi sani e fibre, entrambe collegate all’abbassamento del colesterolo.

Cosa è emerso dalla studio su colesterolo e consumi di noci pecan.

I partecipanti a rischio di malattie cardiovascolari che hanno mangiato questo alimento durante un intervento di otto settimane hanno mostrato miglioramenti significativi del colesterolo totale, dei trigliceridi e delle lipoproteine ​​a bassa densità (LDL) o colesterolo “cattivo”.

“Questo intervento dietetico, se inserito nel contesto di diversi studi di intervento, ha avuto un enorme successo”, ha affermato Jamie Cooper, professore nel dipartimento di scienze nutrizionali FACS e uno degli autori dello studio.

“Abbiamo avuto alcune persone che in realtà sono passate dall’avere il colesterolo alto all’inizio dello studio a non essere più in quella categoria dopo l’intervento”, ha specificato.

I ricercatori hanno visto un calo medio del 5% del colesterolo totale e tra il 6% e il 9% di LDL tra i partecipanti che hanno consumato noci pecan.

“L’aggiunta di noci pecan alla dieta non solo ha prodotto una riduzione maggiore e più coerente del colesterolo totale e delle LDL rispetto a molti altri interventi sullo stile di vita, ma può anche essere un approccio più sostenibile per la salute a lungo termine”, ha affermato Cooper.

“Alcune ricerche mostrano che anche una riduzione dell’1% di LDL è associata a una piccola riduzione del rischio di malattia coronarica, quindi queste riduzioni sono decisamente significative dal punto di vista clinico”.

“Indipendentemente dal fatto che le persone li aggiungano o sostituiscano altri alimenti nella dieta, abbiamo comunque riscontrato miglioramenti e risposte abbastanza simili nel colesterolo totale e nel colesterolo LDL in particolare”, ha affermato Cooper, che è anche direttore dell’UGA Obesity Initiative.

Fonte: Medical X Press.

Foto di Lisa Redfern da Pixabay