Colesterolo alto, rimedi naturali: contrastalo con il cardo mariano

Colesterolo alto, rimedi naturali: contrastalo con il cardo mariano

ROMA – Il cardo mariano viene utilizzato come rimedio naturale per il trattamento di una serie di condizioni di salute, tra cui il colesterolo alto. Ma ci sono benefici provati per la salute del cardo mariano? Il principio attivo del cardo mariano è chiamato silimarina. Viene utilizzato principalmente per il trattamento di problemi al fegato, ma alcune ricerche hanno suggerito che può abbassare i livelli di colesterolo e aiutare a gestire il diabete di tipo 2.

Il cardo mariano è una pianta che proviene dalla stessa famiglia di piante della margherita. Cresce nei paesi del Mediterraneo e viene usato come rimedio naturale a molte condizioni di salute, tra cui tenere a bada i livelli di colesterolo cattivo nel sangue. Il colesterolo è un grasso molto importante per il benessere del nostro organismo, a patto che rimanga nei valori indicati dalle linee guida. Il colesterolo alto, infatti, può portare a problemi di salute del cuore e aumentare la probabilità di ictus. Uno studio del 2006 suggerisce che il cardo mariano potrebbe avere un ruolo importante nel mantenere bassi i livelli di colesterolo. Lo studio ha dimostrato che i livelli di colesterolo erano più bassi nelle persone che assumevano il cardo mariano per curare il diabete rispetto a quelli che assumevano un placebo.

Non solo colesterolo, tra le proprietà riconosciute del cardo mariano c’è quella di supportare la salute del fegato. Uno studio del 2016 ha rilevato che il cardo mariano ha migliorato il danno epatico causato dalla dieta nei topi. Secondo le ricerche, sarebbe tutto merito del principio attivo del cardo mariano, la silimarina, che agisce come antiossidante riducendo la produzione di radicali liberi. Gli scienziati pensano che questo crei un effetto disintossicante, motivo per cui il cardo mariano può essere utile per i problemi al fegato.

Secondo recenti studi, inoltre, il cardo mariano è in grado di ridurre la resistenza all’insulina. Uno studio sui topi ha suggerito che l’estratto di cardo mariano ha aiutato a ridurre la resistenza all’insulina, un problema che caratterizza soprattutto chi è affetto da diabete di tipo 2. Sebbene questa ricerca suggerisca che il cardo mariano potrebbe avere un ruolo nella gestione del diabete, sono necessarie ulteriori ricerche.

Il cardo mariano è reperibile come integratore in molti supermercati ed erboristerie. Non c’è una dose standard a cui poter far riferimento, per questo motivo è meglio attenersi ai dosaggi suggeriti sulla confezione. Il cardo mariano è disponibile anche come tè. E’ importante affidarsi sempre a rivenditori affidabili e certificati.

Essendo un rimedio naturale, tuttavia, è sempre bene chiedere consiglio al medico prima di decidere di inserire il cardo mariano nella propria dieta settimanale visto che potrebbe interagire con alcuni farmaci.

Potrebbero interessarti anche...